Paderno d'Adda (Lecco), 15 settembre 2018 – La serrata del ponte San Michele tra Paderno e Calusco d'Adda è scattata poco dopo la mezzanotte. Nel giro di pochi minuti il viadotto che collega la provincia di Lecco a quella di Bergamo è stato sbarrato con barriere metalliche e new jersey. Quando la cortina di ferro verrà rimossa non si sa, probabilmente ci vorranno almeno un paio d'anni. “Il provvedimento si è reso necessario a causa di urgenti e improcrastinabili interventi di manutenzione straordinaria, decisi dopo aver ricevuto i risultati dell’aggiornamento delle verifiche strutturali effettuate periodicamente sull’opera. Il piano di interventi da attuare, già definito da tempo e supportato da un costante monitoraggio del ponte, prevede una durata dei lavori di circa due anni”, si limitano a spiegare da Rfi, l'ente proprietario dell'opera .

A quanto sembra venerdì pomeriggio alcuni accelerometri che misurano la frequenza delle vibrazioni dei materiali dell'infrastruttura, alcuni dei quali installati appena qualche ora prima, hanno registrato dati preoccupanti, tanto da dover dichiarare off-limits il cavalcavia. Da lì al momento, fino a nuovo ordine, non può quindi passare nessuno, né gli automobilisti, che devono allungare il giro e utilizzare il ponte di Brivio più a nord o di Trezzo più a sud, né i pendolari. “A partire da questa mattina, sabato, fino a nuova comunicazione, è interrotta la circolazione ferroviaria che transita dal ponte San Michele sull’Adda e che collega le stazioni di Paderno d’Adda e Calusco – comunicano da Trenord - La totale sospensione del servizio è stata disposta dai responsabili di Rfi. La linea Milano – Monza – Carnate - Bergamo è così interrotta. I treni circolano tra le stazioni di Milano e Paderno e tra Calusco e Bergamo. I viaggiatori da e per Calusco, Terno e Ponte San Pietro verso Milano sono invitati a utilizzare i collegamenti alternativi via Bergamo – Treviglio – Pioltello - Milano. Le stazioni di Calusco e Paderno d’Adda saranno collegate da un servizio di bus-navetta, soggetto alle condizioni del traffico stradale, per un tempo medio di percorrenza non inferiore ai 45 minuti”.

Per ora la situazione viabilistica sembra reggere, ma il vero banco di prova sarà solo lunedì, alla ripresa delle normali attività lavorativa e delle scuole. “Spero che non sia veramente necessario tenere chiuso il ponte per due anni – commenta il sindaco Renzo Rotta, che l'altra sera ha presenziato personalmente alle operazioni di sbarramento insieme a parecchi curiosi che hanno voluto assistere a quello che in fondo è un evento per il territorio -. E' da anni che predico a tutti livelli che l' bisognava intervenire subito”.

di D.D.S