DANIELE DE SALVO
Cronaca

Missaglia, morto alle cascate dell'Acquafraggia: a Casatenovo l'addio ad Andrea Sarnataro

Nel pomeriggio di oggi, mercoledì 6 settembre, si celebra il funerale del 49enne precipitato domenica in un burrone in Valchiavenna

Andrea Sarnataro

Andrea Sarnataro

Missaglia (Lecco), 8 settembre 2023 – Oggi è il giorno dell'addio ad Andrea Sarnataro, il 49enne di Missaglia morto domenica pomeriggio durante una gita nella zona delle cascate dell'Acquafraggia in Valchiavenna a Piuro. Il funerale, in programma alle 15, si svolge nella chiesa di di San Giorgio a Casatenovo, paese d'origine di Andrea.

Chi era Andrea

Andrea era cresciuto a Casatenovo, dove era molto conosciuto e stimato. Era uno dei volontari più attivi dell'Aism, l'Associazione italiana sclerosi multipla. Per questo i familiari hanno chiesto di devolvere eventuali offerte in suo ricordo proprio all'Aism. Da giovane frequentava il rione della Colombina e partecipa alle attività del gruppo ll Mosto. Di recente si era trasferito a Missaglia, suo nuovo paese di residenza.

L'incidente

Domenica Andrea, dopo aver partecipato alla Sagra dei Crotti e aver pernottato in un campeggio, si era avventurato per una gita nella zona del ponte della Teggiola e delle cascate dell'Acquafraggia appunto. Aveva contattato un conoscente che era con lui per avvisarlo di essere arrivato in cima al sentiero e che stava tornando indietro. I due si sarebbero dovuti incontrare per ricongiungersi e rientrare insieme, ma l'amico non lo ha più visto e ha allertato i soccorritori.

Le ricerche

Per trovarlo sono stati mobilitati i tecnici del Soccorso alpino della stazione di Chiavenna della VII Delegazione e della squadra forra regionale del Soccorso alpino e speleologico lombardo, i militari del Sagf, che è il Soccorso alpino della Guardia di finanza, i vigili del fuoco e i carabinieri. I soccorritori hanno battuto i sentieri di tutta la zona. Sono stati utilizzati anche i droni e sono state effettuate ricognizione aeree con gli elicotteri dei finanzieri e dei vigili del fuoco, dotati del dispositivo Imsi Catcher.

Il sistema Imsi Catcher

Il sistema Imsi Catcher permette di localizzare, attraverso una triangolazione del segnale, un cellulare specifico. Il dispositivo si interpone tra il cellulare da localizzare e la cella telefonica che aggancia il cellulare, sostituendosi ad esssa e quindi fornendo una posizione dell'apparecchio e della persona dispersa. L'imsi Catcher dei vigili del fuoco è della tipologia Dedalo della tipologia Dedalo. Apparati simili possono essere montati anche su droni.

Il ritrovamento

Andrea è stato trovato il giorno seguente, lunedì, in fondo a un canale, sotto una parete ripida, a un centinaio di metri dal sentiero, in prossimità del torrente Brascìi. Si è trattato di un incidente, l'ennesimo sulle montagne lombarde. Andrea infatti è caduto nel dirupo per un centinaio di metri, senza possibilità di scampo. La salma di Andrea è stata recuperata con il verricello e portata a valle. Successivamente è stata restituita ai familiari.

Il precedente

È stata la seconda sciagura in una decina di giorni in provincia di Sondrio che coinvolge lecchesi. Solo la settimana prima sulle montagne della Valtellina erano morte altre due lecchesi: la parrucchiera di 59 anni di Pescate Rosy Corallo e Veronica Malini, la 54enne originaria di Cernusco Lombardone direttrice dell'asilo bilingue Mamimondo a Lecco. Le due amiche, in gita assieme, sono state trascinate via dal torrente del ghiacciaio Fellaria in Valmalenco per salvare un cane finito in acqua.