L’Abbazia dell’Acquafredda rinasce. Grazie ai fondi di Fondazione Cariplo

È una delle tappe più spettacolari dell’itinerario della via Francigena Renana .

L’Abbazia dell’Acquafredda rinasce. Grazie ai fondi di Fondazione Cariplo

L’abbazia dell’Acquafredda si affaccia sul panorama del lago di Como Sotto l’isola Comacina

Recuperare e riaprire l’Abbazia dell’Acquafredda di Lenno: è di ieri l’annuncio dell’avviso pubblico per attivare un tavolo di co-progettazione allo scopo di recuperare e riaprire il complesso monastico benedettino, risalente al XII secolo. Un processo partecipato e sostenuto da esperti grazie al finanziamento che lo stesso Comune ha ottenuto da Fondazione Cariplo sul bando "Obiettivo Comuni", come hanno spiegato il sindaco di Tremezzina, Mauro Guerra e fra Daniele Rebuzzini, vicario generale della Provincia Lombarda dei frati minori cappuccini, che ieri hanno presentato lo stato del progetto assieme a don Sergio Tettamanti, rettore del santuario della Madonna del Soccorso, Natale Capone e Pierantonio Ferrari rispettivamente presidente e vicepresidente del Comitato civico promotore della proposta di rigenerazione dell’Abbazia. Progetto che è stato sottoposto alla proprietà dell’immobile, la Provincia di Lombardia dei frati minori cappuccini, ottenendo la disponibilità a coinvolgere l’abbazia in un intervento di recupero architettonico e riutilizzo sociale dell’immobile, nel rispetto della sua storia e identità.

L’abbazia dell’Acquafredda guarda dunque alla costruzione di un nuovo modello imprenditoriale di turismo sociale interconnesso con i cammini religiosi, un settore in continua espansione, affidando ai giovani, coinvolti anche nel processo di co-progettazione, la gestione di un luogo di futuro. La Tremezzina è una delle tappe più spettacolari dell’itinerario della Francigena Renana, un percorso di pellegrinaggio che collega Canterbury a Roma. L’attività di progettazione prevede lo studio per il recupero architettonico, lo sviluppo del modello di gestione e la profilazione del soggetto giuridico no-profit da cui procedere con l’affidamento dei servizi. Il reclutamento al tavolo avverrà tramite avviso pubblico presente all’albo comunale del sito www.comune.tremezzina.co.it, a cui si può aderire entro il 18 marzo. La seconda fase prevede la cantierizzazione per il recupero architettonico e l’affidamento ad un soggetto del terzo settore per la gestione. Al tavolo possono partecipare organizzazioni, associazioni, enti.