Quotidiano Nazionale logo
6 mar 2022

In tanti all’addio a “Fabo“ il pilota morto in elicottero

Madesimo, il funerale di Fabrizio Bonacina si è celebrato a Milano, la sua città ma c’era anche una corona di fiori portata dagli amici della località montana

marianna vazzana
Cronaca
In tanti non hanno voluto mancare alle esequie dell’elicotterista Fabrizio Bonacina
In tanti non hanno voluto mancare alle esequie dell’elicotterista Fabrizio Bonacina
In tanti non hanno voluto mancare alle esequie dell’elicotterista Fabrizio Bonacina

MADESIMO (Sondrio) di Marianna Vazzana La chiesa piena di parenti e amici. A salutarlo, anche il vento freddo di una mattina di marzo e il sole di fine inverno che, infinite volte, gli hanno sfiorato la pelle mentre volava sul suo elicottero o sciava in montagna. Ieri, nella chiesa di Santa Maria Nascente al Qt8, Milano ha dato l’addio a Fabrizio Bonacina, “Fabo“. Quarantanovenne milanese, pilota d’elicottero, è morto in Amazzonia lo scorso 19 febbraio dopo essere precipitato con il mezzo in fase di decollo. Amante degli sport estremi, affezionato a Madesimo (in provincia di Sondrio) dove è stato tra i primi a praticare lo snowboard negli anni Ottanta e per un periodo ha anche gestito lo snowpark, era un "cittadino del mondo", come lo ha definito il cugino Marco Achilli. Ha abitato in Brasile, dove ha avuto una figlia, dodicenne, ieri presente insieme alla mamma Duda (dalla quale l’uomo si era separato), poi in Cile, in Nepal e di nuovo in Brasile, "non temendo di andare in giro per il mondo mettendosi a servizio degli altri. In Nepal, dove faceva servizio civile – ha ricordato nell’omelia don Mario Manzoni – ha aiutato tanti ammalati di Covid, trasportandoli per garantire loro cura e possibilità di salvezza. Tutto quello che si può dire di Fabrizio lo state dicendo voi, con una presenza così numerosa". Sulle prime panche i genitori Mariella e Italo e i fratelli Francesca e Nicolò. Fabo ha trascorso i suoi ultimi giorni attraversando il cielo della più grande foresta pluviale del pianeta. "Siamo davanti alle sue ceneri, a chiederci: se questo è l’esito della vita, perché dobbiamo vivere la fatica di questa vita? Ma dobbiamo fare un’altra considerazione: Fabrizio ha vissuto in pienezza, non ha buttato via la sua esistenza. Ha gustato la vita perché ha avvertito dentro di sé un richiamo ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?