Quotidiano Nazionale logo
24 apr 2022

Armato e pericoloso, beccato a Monticello: pusher in cella

Marocchino fermato al parco: in auto dosi di hascisc e cocaina, a casa coltelli e armi da combattimento

featured image
Il blitz della polizia locale di Seregno

 

Monticello (Lecco), 25 aprile 2022 - Droga da vendere, migliaia di euro in contanti di incassi, armi cinesi per difendersi e minacciare e una sorta di centrale telefonica clandestina in casa per controllare le piazze di spaccio della Brianza. Per questo un cittadino marocchino di 58 anni è stato arrestato. E’ un pregiudicato e ufficialmente disoccupato. A casa sua a Monticello Brianza sono stati trovati mezzo chilo di hashsih, 27mila euro cash, 60 cellulari vecchio modello a prova di intercettazioni e localizzazione, nunchaku da arti marziali e coltelli. Lo hanno fermato e ammanettato gli agenti della Polizia locale di Seregno durante una sua trasferta in un parco pubblico cittadino.

Lo tenevano d’occhio da mesi. Addosso e sul suo suv gli hanno subito trovato 185 euro, 150 grammi di hascisc in dosi in pronta vendita, un altro panetto intero di un etto, 16 grammi di cocaina di 20 dosi nascoste in un calzino, coltellini e pinze. I poliziotti della municipale si sono poi spostati dove abita, a Monticello, insieme ai carabinieri di Casatenovo, dove è saltato fuori molto di più: altri 475 grammi di hascisc, più di 27mila euro in contanti, oltre 60 telefonini di quelli che non si collegano a internet e non dispongono del gps integrato, bilancini elettronici con annesso tutto il necessario per confezionare la droga e diversi documenti identificativi.

È stato tutto sequestrato, compreso il costoso suv con cui girava per piazzare le sostanze vietate. Dai telefonini gli investigatori contano di riuscire a risalire a clienti, fornitori e cavallini che si sospetta lo aiutassero a gestire gli affari. "Un risultato importante – commenta il comandante della Polizia locale Maurizio Zorzetto, ex comandante della Locale di Brivio –. Ringrazio intanto le donne e gli uomini al mio comando".

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?