Agguato in stazione Ucciso a coltellate davanti alla madre

Un ragazzo di 23 anni del Burkina Faso è morto in un agguato in stazione a Calolziocorte (Lecco). Due stranieri hanno sferrato almeno due coltellate sotto gli occhi della madre. I killer sono in fuga.

Agguato in stazione  Ucciso a coltellate  davanti alla madre

Agguato in stazione Ucciso a coltellate davanti alla madre

Un agguato in piena regola in stazione, davanti ai binari della Milano-Lecco, una delle tratte ferroviarie più pericolose della Lombardia. A perdere la vita nella stazione di Calolziocorte (Lecco) Malcolm Mazou Darga, un ragazzo di 23 anni del Burkina Faso che abitava in paese. A ucciderlo almeno due coltellate inferte sotto gli occhi della madre che era con lui in banchina. La tragedia si è consumata in una manciata di secondi: due stranieri si sono avvicinati al ragazzo e, dopo una breve concitata discussione, uno dei due con un coltello a serramanico gli ha sferrato un fendente a una coscia. Malcom ha provato a scappare, trascinandosi sul marciapiede, ma i due lo hanno inseguito e ucciso con almeno due colpi di grazia dritti al petto. Il 23enne è morto poco dopo all’ospedale di Lecco. La stazione, complice il periodo agostano, era pressoché deserta. La madre, frastornasta, ha urlato: "Aiutatemi, me lo hanno ammazzato!". I killer, malgrado l’intera scena sia stata ripresa dalla videosorveglianza, sono in fuga.

Daniele De Salvo