L'ingresso della casa famiglia dove sono state uccise le due bimbe
L'ingresso della casa famiglia dove sono state uccise le due bimbe

Verona, 26 ottobre 2021 - Una donna di nazionalità cingalese ha ucciso stamane le due figlie, di 11 e 3 anni, che con lei erano ospiti di una casa accoglienza. a Verona Lo apprende l'ANSA da fonti qualificate. Non si conoscono le ragioni del duplice delitto.  La madre delle due piccole si è allontanata dalla struttura, ed è attualmente ricercata. I corpi delle bambine sono state scoperti stamane da un'altra ospite delle casa, la comunità educativa "Mamma Bambino", che poi ha dato l'allarme. La donna cingalese e le due figlie si trovavano nella comunità in forza di un provvedimento dell'autorità giudiziaria. La struttura, gestita dal Comune di Verona, si trova nel quartiere di Porto San Pancrazio. Delle indagini si sta occupando la squadra mobile della Questura di Verona.

Sono state estese al fiume Adige, nel sospetto che la donna possa aver tentato un gesto estremo, le ricerche della mamma che stamane a Verona ha ucciso le due figlie, facendo perdere poi le sue tracce dalla casa famiglia di cui era ospite. Il fiume scorre non distante dalla strutture, e finora le ricerche della donna non hanno dato esito. Madre e figlie si trovavano nella comunità di Porto San Pancrazio da circa un anno, in seguito a un provvedimento di allontanamento dalla dimora familiare deciso dal Tribunale dei Minori di Venezia.

Al momento - si apprende da fonti della questura - è scattata l'azione di allerta di personale, cani e un elicottero per la perlustrazione dall'alto.

Non sarebbe stato trovato alcun segno di lotta nella camera dove le due piccole di 11 e 3 anni sono state ritrovate prive di vita. È quanto si apprende da fonti vicine alle indagini. Tutto era perfettamente in ordine e - spiegano le stesse fonti - questo porterebbe a supporre che le bambine potrebbero essere state uccise nel sonno. La mamma e le 2 figlie erano state affidate ad una casa di accoglienza su disposizione dell'autorità giudiziaria del Tribunale dei minori di Venezia. Secondo quanto riferito da fonti vicine all'amministrazione comunale l'autopsia sul corpo delle due bambine sara' effettuata domani.

Le due bambine di 3 e 11 anni trovate uccise stamane nella comunità di accoglienza di Verona erano state allontanate dalla loro abitazione con un provvedimento del Tribunale dei minori in seguito ai comportamenti violenti del padre, un uomo che avrebbe avuto problemi di tossicodipendenza. La madre, attualmente ricercata, e le figlie erano state poste nella casa "Mamma Bambino" dal gennaio 2021. A Verona avevano altri famigliari. Il magistrato che si occupa dalle indagini, la pm Maria Federica Ormanni, ha disposto intanto l'effettuazione dell'autopsia sulle due vittime, per accertare l'esatta causa della morte.

Notizia in aggiornamento