Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
21 giu 2022
21 giu 2022

Genova, ciclisti contro bimbo disabile: lite sul treno

La denuncia della madre del piccolo, sostenuta dagli altri passeggeri. L'intervento del personale di Trenitalia risolve la situazione

21 giu 2022
(DIRE) Bologna, 23 apr. - Altri 25 treni Jazz prodotti da Alstom, riciclabili per il 95% e in grado di ridurre le emissioni di CO2, sono in arrivo sul trasporto regionale di Trenitalia. La societa' ha infatti firmato due contratti per  circa 170 milioni di euro con Alstom. L'operatore nazionale ha, dunque, esercitato l'opzione prevista dalla commessa di 70 convogli, assegnata ad Alstom nel 2012, ordinando altri 25 treni. Sale cosi' a 95 la flotta di treni regionali Coradia Meridian destinati a migliorare qualita' e comfort di viaggio dei pendolari di quelle Regioni che ne hanno pianificato l'arrivo nel contratto di servizio siglato con Trenitalia. Progettati e realizzati da Alstom in Italia, negli stabilimenti di Savigliano (Cuneo), Bologna e Sesto San Giovanni (Milano), i treni Jazz sono gia' in servizio nelle Marche, Umbria, Piemonte, Abruzzo, Toscana e Lombardia.     "Siamo lieti che Trenitalia abbia rinnovato la fiducia in Alstom, riconoscendo l'impegno che tutta l'azienda ha messo in questo progetto- commenta Pierre-Louis Bertina, presidente e amministratore delegato di Alstom Ferroviaria Spa- Jazz si sta, infatti, dimostrando un prodotto affidabile e apprezzato dai passeggeri e stiamo rispettando i tempi di consegna previsti dal contratto". La commessa, peraltro, aggiunge l'ad, permette all'azienda di "dare un po' di ossigeno alle nostre fabbriche italiane", anche se "per allontanare le preoccupazioni sui futuri carichi di lavoro, e' necessario che altre Regioni scelgano il nostro treno". (SEGUE)   (Asa/ Dire) 13:20 23-04-1
Un treno
(DIRE) Bologna, 23 apr. - Altri 25 treni Jazz prodotti da Alstom, riciclabili per il 95% e in grado di ridurre le emissioni di CO2, sono in arrivo sul trasporto regionale di Trenitalia. La societa' ha infatti firmato due contratti per  circa 170 milioni di euro con Alstom. L'operatore nazionale ha, dunque, esercitato l'opzione prevista dalla commessa di 70 convogli, assegnata ad Alstom nel 2012, ordinando altri 25 treni. Sale cosi' a 95 la flotta di treni regionali Coradia Meridian destinati a migliorare qualita' e comfort di viaggio dei pendolari di quelle Regioni che ne hanno pianificato l'arrivo nel contratto di servizio siglato con Trenitalia. Progettati e realizzati da Alstom in Italia, negli stabilimenti di Savigliano (Cuneo), Bologna e Sesto San Giovanni (Milano), i treni Jazz sono gia' in servizio nelle Marche, Umbria, Piemonte, Abruzzo, Toscana e Lombardia.     "Siamo lieti che Trenitalia abbia rinnovato la fiducia in Alstom, riconoscendo l'impegno che tutta l'azienda ha messo in questo progetto- commenta Pierre-Louis Bertina, presidente e amministratore delegato di Alstom Ferroviaria Spa- Jazz si sta, infatti, dimostrando un prodotto affidabile e apprezzato dai passeggeri e stiamo rispettando i tempi di consegna previsti dal contratto". La commessa, peraltro, aggiunge l'ad, permette all'azienda di "dare un po' di ossigeno alle nostre fabbriche italiane", anche se "per allontanare le preoccupazioni sui futuri carichi di lavoro, e' necessario che altre Regioni scelgano il nostro treno". (SEGUE)   (Asa/ Dire) 13:20 23-04-1
Un treno

Genova - Diverbio su un treno tra una donna con un figlio autistico e due ciclisti che occupavano l'ingresso di un vagone rendendo difficoltosa la salita dei passeggeri. È accaduto lo scorso fine settimana su un treno regionale fermo alla stazione di Genova Vesima, secondo quanto riferito dalla donna L'intervento della capotreno, ha riferito Trenitalia, ha risolto la situazione.

I ciclisti sono stati fatti scendere con l'indicazione dell'arrivo di un convoglio con maggiori spazi a disposizione, ma la mamma del bambino disabile di 5 anni è rimasta scossa e amareggiata dal loro comportamento, fino al punto di mostrare loro i documenti che attestavano la disabilità del figlio. La donna ha riferito che i ciclisti le hanno detto di non vedere alcun disabile a bordo mentre il figlio era in preda a una crisi di nervi a causa della situazione di stress. Si è sentita rispondere, ha denunciato, che il figlio era un maleducato. Altri passeggeri l'hanno sostenuta e hanno chiamato la capotreno.

La madre ha poi riferito di essere stata costretta a mostrare i documenti della disabilità anche alla dipendente di Trenitalia, laa quale invece avrebbe spiegato di essere intervenuta risolvendo il problema in pochi istanti e senza pensare a verificare le identità dei presenti. La società ha espresso rammarico per il diverbio con i ciclisti ed ha cercato di mettersi in contatto con la madre per esprimerle solidarietà.

Lo scorso aprile, su un treno Genova-Milano 27 passeggeri disabili e i loro accompagnatori erano stati costretti a scendere dal convoglio preso d'assalto da turisti che si rifiutavano di liberare i posti a sedere, regolarmente prenotati dalla comitiva che era stata poi costretta a tornare nel capoluogo lombardo in pullman. 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?