Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
27 ott 2021
27 ott 2021

Papa Francesco ha ricevuto la terza dose di vaccino: il Vaticano dà il via ai richiami

All'ombra di San Pietro è già iniziata la somministrazione agli over 60, Bergoglio ha 84 anni

27 ott 2021
Pope Francis arrives for his weekly general audience in St. Peter's Square at the Vatican, 15 October 2019. ANSA/FABIO FRUSTACI
Papa Francesco (Ansa)
Pope Francis arrives for his weekly general audience in St. Peter's Square at the Vatican, 15 October 2019. ANSA/FABIO FRUSTACI
Papa Francesco (Ansa)

Città del Vaticano - Papa Francesco avrebbe già ricevuto la terza dose del vaccino anti Covid. E' quanto emerge da un punto stampa durante il quale il Direttore della Sala Stampa della Santa Sede, Matteo Bruni, ha risposto alle domande dei giornalisti. "Nella seconda metà di ottobre la Direzione Sanità e Igiene dello Stato della Città del Vaticano ha iniziato a somministrare la terza dose di vaccino contro il Covid19, dando la priorità agli ultra sessantenni e alle persone con fragilità". Tra gli ultrasessantenni figura sicuramente anche Papa Bergoglio, che di anni ne ha 84 e che fu tra i primi a vaccinarsi lo scorso gennaio con la prima dose e a febbraio con la seconda. 

Il Vaticano è stato fin da subito molto rigido nel suo programma di vaccinazione. A febbraio un decreto del Presidente della Pontificia Commissione dello Stato della Città del Vaticano, cardinale Giuseppe Bertello, aveva dettato la linea. Ed era piuttosto dura contro i dipendenti contrari al vaccino senza comprovate esigenze di salute. "Si ritiene il sottoporsi alla vaccinazione la presa di una decisione responsabile atteso che il rifiuto del vaccino può costituire anche un rischio per gli altri e che tale rifiuto potrebbe aumentare seriamente i rischi per la salute pubblica", si leggeva nel preambolo. L'articolo 6 prevedeva diverse sanzioni per chi si fosse rifiutato, che potevano arrivare perfino "alla interruzione del rapporto di lavoro" in caso di non comprovate ragioni di salute, in questo richiamando l'articolo 6 di una legge vaticana del novembre 2011.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?