Un finto tecnico
Un finto tecnico

Sirmione (Brescia) - Il sistema era consolidato: si fingevano tecnici del gas, una scusa per intrufolarsi nelle abitazioni dei malcapitati – in genere anziani –, distrarli e poi ripulirli di contanti e gioielli.

Ora la banda dei professionisti dei raggiri, uno residente a Ivrea, uno a Vercelli e l'altro a Palermo, tra i 35 e 45 anni, è stata sgominata dai carabinieri di Sirmione, che ha identificato e denunciato il trio. Il gruppo è finito nel mirino dell'Arma bresciana dopo avere colpito lo scorso febbraio proprio a Sirmione, a casa di un novantenne. I malviventi si erano impossessati di ventimila euro, i risparmi di una vita, sottratti al malcapitato appunto da un finto tecnico del gas.

Le indagini avviate dai militari della stazione , cui hanno collaborato attivamente i vicini della vittima, hanno permesso di rintracciare gli autori del colpo. E scoprire che ognuno aveva un ruolo: c'era chi faceva la staffetta per eludere i controlli, chi entrava in azione nelle case, e chi forniva al gruppo le auto per spostarsi.