Quotidiano Nazionale logo
12 ott 2021

Covid Romania, ospedali vicini al collasso. L'Italia invia 5mila dosi di monoclonali

Record di contagi e decessi nelle ultime 24 ore dall'inizio della pandemia. Bucarest chiede ai Paesi europei di accogliere i suoi pazienti gravi

epa09502284 Romanians holding national flags attend a protest against new measures ordered by the Romanian government during the fourth wave of the Covid-19 Coronavirus pandemic, in front of government headquarters in Bucharest, Romania, 02 October 2021. People from all over Romania gathered to protest against an alleged mandatory Covid-19 vaccination law, the restricitions imposed during the prolonged state of alert, the discrimination against certain categories of citizens and segregation on the basis of medical and health criteria of the population and the 'Covid-19 Green Certificate'.  EPA/Robert Ghement
Proteste contro le restrizioni in Romania

Bucarest - In Romania e nell'Europa dell'est si sta assistendo a un nuovo picco di infezioni, in parte per la scarsa copertura vaccinale, dovuta anche alla forte presenza mediatica di personaggi che mettono in dubbio l'efficacia dei vaccini. In Romania, in particolare, dove solo il 28,7% della popolazione ha ricevuto la vaccinazione completa, la situazione epidemiologica resta estremamente critica: nelle ultime 24 ore si sono registrati nuovi record in fatto di contagi e decessi - rispettivamente 16.743 e 442, i dati più alti in un solo giorno dall'inizio della pandemia. Il sistema ospedaliero è prossimo al collasso e in tutto il Paese non ci sono più posti liberi nelle terapie intensive, con le autorità che già nei giorni scorsi hanno lanciato l'allarme chiedendo aiuto all'Unione europea, e all'Ungheria in particolare, per garantire l'accoglienza di pazienti Covid in gravi condizioni.

Ma la richiesta di aiuto non riguarda solo la possibilità di invio di pazienti gravi. Il Paese ha bisogno di cure. L'Italia ha risposto alla richiesta di assistenza internazionale avanzata dalla Romania tramite il Meccanismo di protezione civile europeo e attraverso il coordinamento del Dipartimento della Protezione Civile sono state inviate 5.000 dosi di anticorpi monoclonali, di cui l'Italia ha buone scorte, per contribuire a fronteggiare la difficile fase che il Paese sta attraversando nel contrasto alla pandemia da Covid19. Le fiale, messe a disposizione da Regione Lombardia sono partite nel pomeriggio da Malpensa verso Bucarest. 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?