Blitz della Finanza al ristorante e dal benzinaio: scoperti otto lavoratori in nero

Lodi, i titolari delle due imprese rischiano di dover pagare sanzioni fino a 10.800 euro per ogni lavoratore non in regola

Gli accertamenti della Guardia di Finanza
Gli accertamenti della Guardia di Finanza

Lodi, 4 dicembre 2023  – Blitz della guardia di finanza in un ristorante e dal benzinaio, scoperti otto lavoratori in nero. I finanzieri del comando provinciale di Lodi hanno verbalizzato sanzioni amministrative nei confronti delle due imprese. Multe che vanno da un minimo di 1.800 ad un massimo di 10.800 euro per ciascuno degli otto lavoratori impiegati “in nero” (l’importo esatto sarà stabilito dopo un’analisi più approfondita e in base ai trascorsi delle citate aziende).

Per le due attività i problemi sono iniziati quando, dalle verifiche dei militari, i lavoratori presenti non sono risultati assunti regolarmente. Secondo i successivi riscontri e sentiti anche gli interessati, per la finanza queste persone venivano retribuite con strumenti di pagamento non tracciabili. Il blitz è scattato, in particolare, in un esercizio di ristorazione e un’attività di commercio al dettaglio di carburante e autolavaggio della provincia di Lodi.

C’è stata una minuziosa verifica delle autorizzazioni e della regolarità delle posizioni lavorative del numeroso personale impiegato. In particolare, nell’esercizio di ristorazione sono stati individuati cinque lavoratori “in nero”. Erano camerieri e pizzaioli. Mentre il controllo svolto presso l’attività di commercio al dettaglio di carburante e autolavaggio, ha portato ad accertare la presenza di tre lavoratori “in nero”, intenti a lavare e asciugare manualmente le autovetture. La finanza in primis ha proceduto al recupero delle contribuzioni previdenziali ed assicurative evase, con la relativa regolarizzazione e ricostruzione dei rapporti di lavoro a favore dei dipendenti e infine sono scattate le sanzioni amministrative nei confronti delle due imprese.