Il nucleo radiomobile di Lodi
Il nucleo radiomobile di Lodi

Lodi, 7 ottobre 2021- Cercano di rubare 60mila euro di materiali ma, prima di riuscire a porta via il maxi bottino, si trovano davanti i carabinieri. Due albanesi incensurati del 1989 e del 1987 sono stati colti con le mani nel sacco dal nucleo radiomobile di Lodi e arrestati per furto aggravato in concorso. La pattuglia li ha fermati con l’accusa di furto aggravato. Su segnalazione del responsabile della Centrale del latte Italia, azienda sulla via Emilia strada statale 9 di Lodi, che ha notato movimenti sospetti, i militari non si sono certo fatti attendere.

Sono quindi riusciti nella cattura dei due intrusi che, dopo aver tagliato la recinzione del sito e lasciato l’auto privata poco lontana, stavano accumulando acciaio e rame, dal valore di 60mila euro, da portar via. Gli è però andata male. L’intervento delle forze dell’ordine ha infatti scongiurato il pesante danno alla ditta finita nel mirino. Dopo la convalida del fermo, il giudice del Tribunale di Lodi ha liberato entrambi gli indagati. Gli è stato attribuito l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria tre volte a settimana. La refurtiva è stata invece lasciata all’azienda. Nel frattempo proseguono i controlli del territorio via terra e via cielo, anche con l’ausilio degli elicotteri, per scongiurare reati a 360 gradi. Paola Arensi