Quotidiano Nazionale logo
25 apr 2022

Vailate, la band suona un punk da Mal di testa

Questo il titolo del singolo registrato dal terzetto cremasco Wendy’s Parade, che la Universal sta per distribuire

pier giorgio ruggeri
Spettacoli
I Wendy’s Parade, giovani rivelazioni
I Wendy’s Parade, giovani rivelazioni

Vailate (Cremona) - La mia banda suona il punk e lo suona così bene che a questi ragazzi, il terzetto Wendy’s Parade, si è interessata nientemeno che la Universal Music Italia, etichetta di assoluto prestigio che distribuirà il loro singolo dal titolo “Mal di testa“ a partire da venerdì. Le tre rilevazioni della musica sono cremasche: la voce è di Simone Baffi, di Vailate come Lorenzo Montani, chitarrista, mentre lo spinese Pietro Cicorella, ora residente a Milano, è sia tastierista sia producer.

Tutti e tre poco più che ventenni, hanno già alle spalle una buona esperienza nata dal lockdown che li ha costretti a star fermi (ma non zitti). "Tutto è nato in modo casuale tra me e Lorenzo durante il periodo delle chiusure a causa del Covid – racconta Simone, che ha vent’anni – quando abbiamo iniziato a trovarci in centro a Vailate nel negozio di tatuaggi del padre di Lorenzo. Lo abbiamo trasformato nella nostra sala prove, dove per mesi abbiamo suonato liberamente senza un vero e proprio progetto. Quello studio è stato la nostra caverna, dove abbiamo sperimentato senza dover render conto a nessuno. Un nostro mondo dove potevamo anche alzare i decibel ed esprimere attraverso la musica la voglia di uscire dall’omologazione della vita dei nostri piccoli paesi di provincia. Con l’arrivo di Pietro ci siamo meglio strutturati e grazie alle sue conoscenze nel mondo delle produzioni audio abbiamo cominciato a registrare in modo più professionale".

Continua Pietro, anche lui ventenne: "Tutto è stato rapido e inatteso. Abbiamo fatto un casting per Amici e successivamente, grazie alla disponibilità di Andrea Rock di Virgin Radio, abbiamo inciso in modo professionale i nostri primi pezzi. Subito dopo è arrivato il nostro primo contratto con l’etichetta Gotham Dischi e dopo poche settimane la notizia che il nostro singolo sarebbe stato distribuito da Universal music Italia".

Conclude Lorenzo, che di anni ne ha 19: "Non abbiamo ancora ben capito cosa ci sta succedendo, un vero e proprio… mal di testa. Quello che è certo è che, con i piedi ben saldi a terra, stiamo già lavorando a nuovi pezzi". Ai quali è sempre interessata la Universal. E da venerdì il loro pezzo sarà alla prova del pubblico.

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?