Visite al castello di Padernello
Visite al castello di Padernello

Milano, 10 gennaio 2020 - Tanti gli eventi in programma nel week-end del 10, 11 e 12 gennaio tra mostre, concerti, laboratori, film, workshop ed inaugurazioni.

Per gli amanti dell'arte, ecco 10 mostre da non perdere tra Milano e la Lombardia in questo autunno-inverno. 

Per i golosi, ecco 10 sagre da non perdere a gennaio

Mentre, per gli appassionati di sport, le piste di pattinaggio sul ghiaccio.

 

BimboDay, la fiera dei gonfiabili (Foto Facebook)MILANO

La quarta edizione del BimboDay, il più grande parco gonfiabile d’Italia torna a Milano per due weekend all'insegna del divertimento: l'appuntamento è da sabato 11 e domenica 12 gennaio 2020 presso il Parco Esposizioni di Novegro (orario di apertura 10-20). All'interno della struttura espositiva - interamente al coperto, riscaldata e controllata - sono allestiti tanti giochi gonfiabili in diverse aree suddivise per fasce di età e tipo di divertimento, come per esempio il padiglione B, area destinata ai bambini più piccoli (3-6 anni) dove si possono trovare scivoli, saltarelli, combo, active center o play zone adatte a loro; o il padiglione C, dedicato a tutti i bambini e ragazzi (6-12 anni) con diverse decine di giochi gonfiabili tutti diversi tra loro; infine presso il padiglione D i bambini più grandi e anche gli adulti possono cimentarsi su uno specifico percorso PopzGame del tipo WipeOut / Ninja Warrior. Il padiglione A è l’area dedicata al food del Bimbo Day. Prezzo giornaliero di 15 euro per i bambini, 8 euro per gli adulti e di 40 euro per le famiglie composte da due bambini e due adulti; l'ingresso è gratuito per gli over 65 (se accompagnati dai nipoti), i bambini fino a 2 anni e i disabili.

Canzoniere Grecanico SalentinoLa mostra Magic Gilda magic winter sarà aperta al pubblico dal 21 novembre 2019 al 19 gennaio 2020 presso la galleria Gilda Contemporary Art a Milano (via San Maurilio, 14 - MM Cordusio). L’esposizione coinvolge 11 affermati artisti italiani e internazionali; tra di essi anche la pittrice emergente Luna Berlusconi che esporrà alcune opere della serie “Nudi”. Tema centrale della mostra sarà la dimensione magica della fiaba, in relazione con l’atmosfera malinconica e sospesa tipica dell’inverno.

Un fine settimana con Ezio Bosso al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano: la Società dei Concerti di Milano promuove il Weekend Bosso, tre giorni in compagnia del maestro - da venerdì 10 a domenica 12 gennaio 2020 - in compagnia del maestro in occasione del concerto con l'Europe Philharmonic Orchestra di domenica 12. -Il pubblico può ammirare Ezio Bosso grazie alla possibilità di assistere alle prove aperte in programma nei due giorni che percedono il concerto. Venerdì 10 gennaio 2020 le prove aperte con Ezio Bosso direttore della Europe Philharmonic Orchestra (Francesco Di Rosa oboe solista) si tengono dalle 10.30 alle 13.30 nella Sala Verdi del Conservatorio; prove aperte anche sabato 11 gennaio.

Lucio BattistiVenerdì 10 gennaio alla Bocciofila della Martesana è in programma una serata interamente dedicata a Lucio Battisti, tra cibo e musica: in programma una cena a base di pasta cacio & pepe seguita dal concerto tributo al grande cantautore. Le porte della Bocciofila - con ingresso da via Rovigno 14 e dal Naviglio della Martesana - aprono alle ore 19.00 con la cena, seguita alle ore 21.00 dalla musica live. Il costo di ingresso per la serata è di 8 euro, con tessera Acsi 2020 (costo tessera 5 euro). Per info e prenotazioni telefonare al numero 02 2871185.

Sabato 11 gennaio, alla Bocciofila della Martesana è in programma una serata interamente dedicata a Fabrizio De Andrè nel ventunesimo anniversario della sua scomparsa: in programma una cena con piatti tipici genovesi seguita dal concerto tributo della band Faber is Back. Le porte della Bocciofila - con ingresso da via Rovigno 14 e dal Naviglio della Martesana - aprono alle19 con la cena a tema De Andrè con piatti tipici genovesi. Dalle ore 21.00 ha inizio la musica dal vivo con lo spettacolo Amico Faber, omaggio al grande cantautore a cura della band Faber is Back. Il costo di ingresso per ogni serata è di 8 euro, con tessera Acsi 2020 (costo tessera 5 euro). Per info e prenotazioni telefonare al numero 02 2871185.

Laboratorio per bambiniSabato 11 gennaio dalle 10,30 alle ore 12,30 presso la Scuola di Musica A. Pozzi di Corsico, in Via Dante 9, ci sarà un laboratorio artistico speciale per bambine e bambine dai 4 ai 10 anni. Introduzione in musica della Prof.ssa Elena Lunghi e poi... spazio alla creatività con la collaborazione di Piperita e di mille colori. La seconda tappa di questa bella esperienza ci porterà sabato 18 gennaio al Teatro Munari, dove i vostri disegni potranno essere selezionati per essere... suonati. A trasformare il disegno in musica saranno le nostre musiciste  Kamile Maruskeviciute (violino); Francesca Bongiorni (violoncello): Marta Caracci (pianoforte). Il costo del laboratorio a Scuola è di €7/bambino (con prenotazione entro venerdì 10/10); chi partecipa al laboratorio avrà un prezzo speciale per l’ingresso a Teatro (col proprio disegno!): €8/bambino+adulto Prenotazione laboratorio: tel. 393 9084975 o presso la Segreteria della CSM A.Pozzi.

Si chiama 'Calzini bucati' il laboratorio creativo per bambini organizzato alla biblioteca di Legnano sabato 11 gennaio alle 15.30. 

ViniliIl Salice Legnano, domenica 12 Gennaio ospiterà la Fiera del Disco organizzata da Rock Paradise Fiera del Disco in collaborazione con l'Associazione Comitato Laboratorio di Quartiere Mazzafame e l'Associazione il Circolo S. Teresa Mazzafame. Troverete più di oltre 30 espositori, con dischi in vinile, CD, DVD, gadget musicali da vendere, comprare o scambiare; Visitabile dalle 10:00 alle 19:00. L'evento si svolgerà al piano terra e al chiuso, indipendentemente da qualsiasi condizione meteorologica.

A Rescaldina la tradizione irlandese arriva sabato 11 gennaio alle 21.45 alla Tela sulla Saronnese. Ad animare la serata a ingresso libero sarà il gruppo del Bandarone, che proporrà proprio le atmosfere della musica irlandese. Prima di sabato, altro evento alla Tela: stasera spazio a una delle “Stuzzicanti serate in lingua

Nell’antichità si riteneva fossero la dimostrazione dell’esistenza dell’anima. Alcune popolazioni nordiche invece credevano che seguendoli si trovasse il proprio Destino. I “Piccoli Fuochi Fatui“ a Legnano sono invece incontri, performance, prove aperte e accadimenti fugaci, visioni private per piccoli gruppi di spettatori, nel tentativo di proporre un’alternativa culturale e una fruizione differente. Il tutto al “Teatrino Fontana“ di via Volturno. Domenica 12 gennaio alle 18 sarà il momento di “Judith – la sorella di Shakespeare“, di e con Angela Burico

Riparte con il turbo la stagione del Circolo Galilei di Canegrate grazie ai “DNA 59”. Venerdi 10 gennaio dalle 22 sul palco di via Mameli 2 il gruppo farà sentirte la sua voce. «Un nome che da solo vale il programma, ovvero quando il blues ce l’hai nel DNA, quando anche il rock si mescola con la tradizione - si legge nella presentazione della serata - . Paolo Ciotta (Chitarra), Clay Gatti (Sax e Armonica, canegratese che torna, dopo una lunga carriera artistica, a calcare un palco nel suo paese natale), Max Campanella (Batteria). Fabrizio Maggi (Basso) e il cantante Jack Gornati costituiscono il gruppo nato da un’idea di Paolo Ciotta con l’intento di rielaborare i classici del blues in chiave moderna, con originali arrangiamenti armonici e ritmici».

L'auditorium della biblioteca di Bussero ospita lo spettacolo teatrale "Gente di facili costumi" di Nino Manfredi e Nino Marino, sabato 11 gennaio alle 21 e in replica domenica 12 gennaio alle 15. 

''Madonna Litta' a MilanoUn capolavoro di Leonardo che torna nella città in cui è stato dipinto: la Madonna Litta, dopo trent'anni, torna dall'Ermitage fino al 10 febbraio 2020, ospitata al Museo Poldi Pezzoli. La Madonna Litta mostra notevoli affinità stilistiche con la seconda versione della Vergine delle rocce, conservata alla National Gallery di Londra. Conobbe una notevole fortuna, come dimostra il grande numero di copie eseguite da artisti lombardi. Nell’Ottocento, inoltre, era l’opera più famosa di una delle più importanti collezioni di opere d’arte milanesi, quella dei duchi Litta (da cui deriva il soprannome con cui è conosciuta in tutto il mondo). Insieme alla Madonna Litta verranno presentati una ventina tra dipinti e disegni eseguiti da Leonardo e dai suoi allievi più vicini.

Alla Fabbrica del Vapore di Milano la mostra “Io, Robotto", in scena fino al 29 gennaio 2020. Un percorso sul sogno dell’uomo di replicare la vita e creare un suo doppio in grado prima di duplicarne le movenze, di comunicare con lui e infine di sviluppare un’intelligenza artificiale con cui confrontarsi. Un’esperienza umanistica sul rapporto tra l’uomo e la macchina, a indagare ogni argomento dello scibile umano, dalla letteratura alla biomeccanica.

MudecI depositi del MUDEC - Museo delle Culture aprono in esclusiva grazie agli eventi "Aperti per voi" del Touring Club Italiano. In tutti gli ultimi sabati del mese fino a giugno 2020, i volontari del Touring accompagneranno i visitatori in un tour unico alla scoperta delle collezioni del museo. Un focus dedicato di mese in mese sulle diverse tipologie di opere e oggetti d’uso ripercorrerà trasversalmente le collezioni dedicate a Africa, Cina, Giappone, Islam, strumenti musicali, Oceania, Amazzonia e le raccolte archeologiche precolombiane. Le visite sono gratuite su prenotazione

falseFino al 19 gennaio 2020 Palazzo Reale ospita la grande mostra su Giorgio de Chirico, che ricostruisce l’irripetibile carriera dell’artista attraverso un centinaio circa di capolavori, a distanza di quasi cinquant’anni dalla personale del 1970.

Il Museo del Novecento fino all'1 marzo 2020 dedica la più ampia retrospettiva milanese degli ultimi 50 anni all'artista Filippo De Pisis, protagonista della pittura e della scrittura tra le due guerre. Viaggiatore instancabile e figura versatile, ha attraversato Paesi e movimenti pittorici lasciando la propria personale impronta. Fra i 90 dipinti esposti si possono ammirare vivaci vedute cittadine, ariosi paesaggi delle montagne a lui care, combinazioni di nature morte e intensi ritratti.

A Palazzo Reale la mostra "Guggenheim. La collezione Thannhauser, da Van Gogh a Picasso" in programma a Palazzo Reale fino al 1° marzo 2020. La mostra presenta circa cinquanta capolavori dei grandi maestri impressionisti, post-impressionisti e delle avanguardie dei primi del Novecento, tra cui Paul Cézanne, Pierre-Auguste Renoir, Edgar Degas, Paul Gauguin, Edouard Manet, Claude Monet, Vincent van Gogh e un nucleo importante di opere di Pablo Picasso. L'esposizione racconta la straordinaria collezione che negli anni Justin K. Thannhauser costruì per poi donarla, nel 1963, alla Solomon R. Guggenheim Foundation, che da allora la espone in modo permanente in una sezione del grande museo di New York.

Fino al 2 febbraio 2020 il Mudec - Museo delle Culture presenta Oriente Mudec. Il progetto si snoda attraverso due mostre dal 1 ottobre al 2 febbraio 2020 e un programma di iniziative per raccontare le sfaccettature della cultura giapponese e l'incontro artistico-culturale di Europa e Asia, e in particolare di Italia e Giappone. Nella prima mostra sonno esposte le opere di provenienza soprattutto giapponese, per la maggior parte provenienti dalla Collezione Passalacqua, e illustra i primi rapporti storici tra l'Italia e il Giappone. La seconda mostra si focalizza sulle avventure imprenditoriali e sugli scambi artistici dalla fine dell'800: hanno subito l'incanto del Giapponismo molti artisti e intellettuali europei, da De Nittis a Rodin, da Van Gogh a Gauguin, da Toulouse-Lautrec a Monet, da Galileo Chini a Giovanni Segantini e molti altri.

L'Esercito di Terracotta alla Fabbrica del VaporeSi respira l'immensità della Cina nella mostra sull'Esercito di Terracotta fino al 9 febbraio 2020 a Milano alla Fabbrica del Vapore. Un'esposizione davvero unica nel suo genere, che trasporta il visitatore indietro nel tempo di 2.200 anni, a Xìan, nella parte orientale del grande Paese asiatico dove si trova il grande sito archeologico.  Trecento pezzi, tra soldati e oggetti, per "la più grande e completa ricostruzione" della colossale area archeologica, 50 Km quadrati di necropoli "qualcosa di comparabile soltanto alla piana di Giza, o a Machu Picchu - ha detto il curatore, Fabio Di Gioia -. Opere che escono dalla Cina solo in rare occasioni, e in numero limitato. Mentre nella mostra italiana, grazie all' utilizzo dei calchi usati per i restauri si è potuto ricostruire una delle 'fossè in cui si trova diviso l'esercito". Un percorso di 1.800 mq, con 170 soldati, e sale espositive. 

“La prima crepa nel muro: da Solidarność alla caduta del muro di Berlino 1980-1989“, la mostra aperta a studenti e cittadini. La mostra sarà aperta al piano terra della scuola Regina Mundi in via Boncompagni 18, Corvetto. Resterà in eposizione dal 9 dicembre 2019 al 24 gennaio 2020, dal lunedì al venerdì.

L’Annunciazione di Filippo LippiDa venerdì 29 novembre e fino al 12 gennaio a Palazzo Marino sarà possibile ammirare gratuitamente 'L'Annunciazione' di Filippino Lippi, opera protagonista della tradizionale mostra di Natale che ogni anno porta un capolavoro italiano a Milano.  'L'Annunciazione' dipinta dal maestro toscano proviene dal Comune di San Gimignano che ne è proprietario e che la commissionò nel 1482 proprio per ornare la sede del Municipio. 'L'Annunciazione' di Filippino Lippi è composta da due grandi tondi: uno raffigurante L'Angelo Annunziante, l'altro L'Annunziata. (Tutte le informazioni)

Fino all'1 marzo 2020 nella Sala Fallaci del Comune di Cologno Monzese la Mostra delle Macchine Leonardesche. Mostra composta da 30 macchine ricostruite partendo dai disegni leonardeschi del Codice Atlantico. L’obiettivo principale della mostra è stimolare la creatività dei giovani incoraggiando lo sviluppo di nuove idee attraverso forme dirette di interazione per comprendere ciò che il Genio fiorentino ci ha lasciato in eredità. 

Dal 22 novembre 2019 al 6 febbraio 2020 Copernico Milano Centrale ospita nella sua Gallery di via Lunigiana ANTHEA, mostra personale dell’artista Eldi Veizaj a cura di Giorgia Sarti. In occasione di questa mostra, Eldi Veizaj ha creato un nuovo ciclo di opere, al di là di qualunque forma di realismo come è nella natura della sua poetica, che accompagnano i visitatori in un viaggio in cui la visione di forme floreali emerge dalle profondità marine con la leggerezza e la freschezza che da sempre contraddistinguono la sua cifra stilistica.  Il lavoro dell’artista nasce infatti dall’urgenza di trovare uno spazio all’interno del quale poter liberare la potenza delle forme che attraverso una morbida fusione di colori e segni si materializzano in fiori accennati, che sembrano volere uscire dai limiti della figura e tendere verso nuovi e più profondi significati.

Ennio MorriconeSabato 11 gennaio 2020 va in scena all'Auditorium di Milano il concerto Omaggio a Morricone, un viaggio nella musica di Ennio Morricone, considerato unanimemente il più grande compositore di colonne sonore di tutti i tempi. Protagonista del concerto è l'Ensemble Le Muse, un gruppo orchestrale al femminile che, grazie a questo progetto, ha ottenuto importanti riconoscimenti, tra cui l'assegnazione dell'Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana. Ospite della serata, la voce solista di Angelica Depaoli, mentre al pianoforte siede l'ideatore delle Muse, Andrea Albertini: non solo direttore e conduttore della serata, ma anche colui che racconta le storie che si celano dietro alle musiche indimenticabili di Morricone, arricchendo ogni brano con aneddoti e curiosità. La scaletta prevede particolari rielaborazioni delle colonne sonore degli spaghetti western di Sergio Leone, fino alle collaborazioni più recenti con Quentin Tarantino, senza tralasciare il Morricone autore di canzoni come Se Telefonando (portata al successo da Mina), in un crescendo di emozioni per vivere l'atmosfera magica e sognante del grande cinema d'autore.

Renato ZeroNell'autunno 2019 Renato Zero torna sul palco con un nuovo tour nei principali palasport italiani: in scaletta i brani del suo storico repertorio alternati alle canzoni del suo   nuovo album di inediti Zero il Folle, realizzato a Londra con la produzione e gli arrangiamenti di Trevor Horn (produttore di Paul McCartney, Rod Stewart, Robbie Williams) con cui Renato Zero torna a collaborare dopo l’album Amo del 2013. Sono tre le date a Milano del nuovo tour: sabato 11, domenica 12 e martedì 14 gennaio l'appuntamento al Mediolanum Forum.

Dal 18 dicembre 2019 al 9 febbraio 2020, negli spazi dell’Anteo Palazzo del Cinema di Milano, è allestita la mostra Troisi all'Anteo. L’esposizione è parte della mostra Troisi Poeta Massimo, che si è svolta a Roma dal 17 aprile al 27 ottobre, realizzata in occasione dei 25 anni dalla morte dell’indimenticabile attore napoletano. L'esposizione raccoglie fotografie private e immagini d'archivio che consentono al pubblico di addentrarsi nell'animo umano di Massimo Troisi. Un mito mite, un antieroe moderno e rivoluzionario, che più di altri ha saputo descrivere, con sincerità, leggerezza e ironia, i dubbi e le preoccupazioni delle nuove generazioni. Promossa e organizzata da Istituto Luce Cinecittà con 30 Miles Film in collaborazione con Archivio Enrico Appetito, e curata da Nevio De Pascalis e Marco Dionisi, la mostra è diffusa negli spazi dell'Anteo Palazzo del Cinema dal piano terra al terzo piano.

Federico FelliniA un secolo dalla nascita e a sessant’anni dall’uscita del film La Dolce vita, dal 7 al 18 gennaio Fondazione Cineteca Italiana omaggia il grande maestro Federico Fellini con una rassegna a lui dedicata, Ti ricordi di Federico?, presso il Mic - Museo Interattivo del Cinema di Milano. Una ricca proposta per celebrare non solo il regista ma anche l'uomo che si racconta senza maschere: a questo scopo la rassegna propone i suoi film più celebri ed esclusivi documentari in cui Fellini racconta di sé e della sua poetica, capace di rivoluzionare il cinema italiano e di renderlo celebre a livello internazionale.  La rassegna è pensata per unire in un unico grande omaggio al regista riminese un pubblico di grandi appassionati a un pubblico più giovane, per il quale sono pensati i documentari ad accesso libero con Cinetessera: un invito ad esplorare la poetica di Fellini e a comprendere il grande contributo che ha saputo dare alla storia del cinema. I biglietti per gli altri film hanno un costo di 7,50 euro (ridotto 6 euro per under 15, studenti universitari e possessori di Cinetessera 2020; ingresso gratuito per ragazzi dai 16 ai 19 anni). Tutte le informazioni

Dall'11 gennaio al 21 marzo, presso il Cinemino di Milano è in programma la rassegna Éric Rohmer, un omaggio al maestro della Nouvelle Vague a 10 anni dalla morte e 100 dalla nascita. Ogni sabato mattina alle ore 10.45 (con una replica nel corso della settimana che segue) viene proiettato un film di Rohmer, tra i più importanti esponenti della Nouvelle Vague. a retrospettiva prende il via sabato 11 gennaio, a 10 anni dalla morte del maestro, e si conclude sabato 21 marzo, a cent’anni esatti dalla sua nascita. I film della rassegna sono in versione originale con sottotitoli.

La Gilda del Mac Mahon - Bar Blues di e con Federica BognettiTorna la seconda parte della stagione teatrale 2019-2020 di Après-coup Milano, via Privata della Braida 5.  Le luci sul proscenio di Porta Romana si accendono venerdì 10 gennaio alle ore 21 con la CompagniaVerandaRabbit che presenta: La Gilda del Mac Mahon - Bar Blues di e con Federica Bognetti accompagnata dal sax di Emiliano Vernizzi. Spettacolo a metà tra il teatro e il cabaret musicale, fumoso e naif, sensuale e vitale. “Bar Blues” di e con Federica Bognetti è tratto da “La Gilda del Mac Mahon” di Giovanni Testori e frammenti da “Il Gabbiano” di Anton Cechov. In un quartiere della Milano proletaria del dopoguerra, povera ma piena di speranza per il futuro, una donna bella e provocante, che somiglia alla famosa diva americana Rita Hayworth, vive vicino al Ponte della Ghisolfa, all’epoca l’estrema periferia a nord della città meneghina. Federica Bognetti, con fisicità e ritmo, affiancata dal sassofonista jazz Emiliano Vernizzi, racconta la storia di un’attrice, ormai anziana, che fa i conti con il suo passato. I ricordi corrono veloci al Bar Blues, il locale in cui si esibiva da giovane, le atmosfere e le emozioni del cabaret di un tempo rivivono sul palcoscenico. Ed è così che il pubblico sarà coinvolto nella nostalgica storia d’amore della protagonista e dalla sua passione per gli uomini. Uno spettacolo costruito sul meccanismo del flashback in cui musiche e parole s’intrecciano. In primo piano resta la fisicità della protagonista che dà spessore e forza allo spettacolo. Ingresso 15 euro comprensivo di calice di vino. Info e rpenotazion: proscenio@apres-coup.it oppure 02.38243105. (Per rispetto verso gli artisti e gli altri ospiti si prega di presentarsi entro le 20:40).

Base a MilanoSabato 11 e domenica 12 gennaio, in occasione della Fashion Week dedicata alla Moda Uomo, presso Base Milano si svolge il salone White Show Milano Fashion Reboot, il primo evento dedicato interamente al fashion design e all’innovazione sostenibile a Milano. Il progetto - con lo scopo di fare da ponte tra la cultura della sostenibilità, il mercato e il pubblico - include installazionidisplayhappening e un calendario di attività e workshop per coinvolgere non solo gli addetti ai lavori, ma tutta la città. L’obiettivo è diventare il primo appuntamento dedicato al mondo della circolarità e sostenibilità della moda.  I temi affrontati sono: il rapporto moda e acqua, moda e sostanze chimiche, moda e combustibili fossili, moda e waste management (economia circolare).  Il Museo Salvatore Ferragamo e la Fondazione Ferragamo partecipano a White Show Milano Fashion Reboot, per la prima volta a Milano, con una sezione della mostra Sustainable Thinking, con un’esposizione al piano terra di Base Milano di alcuni preziosi modelli d’archivio Salvatore Ferragamo, che mostrano la sua innata passione per la sperimentazione con i materiali più poveri e mai utilizzati a quel tempo per la realizzazione delle scarpe: la carta, la corteccia d’albero, la rafia, la pelle di pesce, il cellophane. Oltre a questa sezione dedicata ai modelli pionieristici di Salvatore Ferragamo, viene allestita una sala multimediale e interattiva, una vera full immersion nel Sustainable Thinking, grazie a contributi e interviste di numerosi personaggi, che raccontano la loro idea di circolarità. Dalla mostra curata dalla Fondazione Ferragamo si procede al primo piano di Base Milano, dove inizia un percorso che offre uno scenario ampio tra aziende tessili, fashion label e designer di ricerca, fino a una selezione di start up innovative. Aperto al pubblico in orario 10.00-18.00, a ingresso gratuito con registrazione online obbliagtoria. 

 

Sipario di un teatroBERGAMO

Venerdì 10 (ore 20.30) e domenica 12 gennaio (ore 15.30) il melodramma in due atti 'La Sonnambula' è in scena al Teatro sociale di Bergamo. L'Orchestra I Pomeriggi Musicali e il Coro OperaLombardia sono diretti da Massimo Fiocchi Malaspina. La Sonnambula è un'opera semiseria in due atti messa in musica da Vincenzo Bellini su libretto di Felice Romani. È considerata uno dei capolavori del compositore catanese. In quest'opera Bellini dà il meglio di sé nell'esaltare l'amore travagliato e sofferto dei due protagonisti nella cornice del fenomeno del sonnambulismo e della pazzia, qui strumentali per esalatre l'eccellenza vocale della composizione. 

Il quartiere fieristico di Bergamo si prepara a una settimana di storia, arte e cultura. La Fiera di Bergamo trasforma i suoi padiglioni in una vetrina dell'arte antica con IFA, la fiera dedicata all’Alto antiquariato e all’Arte antica italiana. Il salone, che inaugura in contemporanea con il Bergamo Arte Fiera dedicato all’arte moderna e contemporanea, si prolunga per più giorni, da sabato 11 a domenica 19 gennaio. Giunta alla sua quinta edizione, IFA vanta però di una lunga tradizione, a partire dalla fondazione nel 1991 da parte di Sergio Radici con il nome di Bergamo Antiquaria.

Arte, culture e storia tornano nel quartiere fieristico di Bergamo. Torna la mostra mercato BAF dedicata all’arte moderna e contemporanea, alla sua 16esima edizione. Appuntamento alla Fiera Bergamo da sabato 11 a lunedì 13 gennaio.

La Selva Oscura tra Piario e ClusoneIn inverno, la pineta che divide Piario da Clusone assume un’atmosfera quasi fiabesca ma che, in realtà nasconde una selva oscura ricca di superstizioni, pestilenze e leggende popolari! Una passeggiata alla scoperta delle curiosità naturalistiche camminando in un bosco leggendario, tra chiesette nascoste e paesaggi da brivido. Ritrovo l'11 gennaio alle 15, presso il parcheggio dell’ospedale di Piario, loc. Groppino. A seguire degustazione presso Centro Sportivo. Costo 10 euro adulti e 5 euro under 10 compresa degustazione. Prenotazione obbligatoria allo 035.704063 o 342.3897672.Organizza Distretto del Commercio Alta Valle Seriana in collaborazione con Artelier. Consigliato abbigliamento sportivo e scarpe da trekking, facile escursione adatta anche a famiglie e bambini.

L'11 gennaio, a Ponte San Pietro, Mercatino dell’antiquariato. Dalle 8 alle 16 in Piazza della Libertà vi aspetta il tradizionale mercatino dell’antiquariato, con oggettistica e collezionismo. 

Il 12 gennaio, Vittoria’s Farm organizza due gite dedicate agli animali del bosco, intitolate “Animal Identikit!”. Passeggiata gioco-indagine per sentieri… Alla ricerca dell’animale misterioso. Un’avventura alla ricerca dei diversi indizi che porteranno i partecipanti alla soluzione dell’indagine… Chi è l’animale misterioso? Tracce, richiami, strumentazione scientifica… Indizio dopo indizio.. Scoprirete il “colpevole”. Adatto a tutti: singoli, coppie, famiglie con bambini. Costo 10 euro a persona, per famiglie sopra le tre persone, il quarto non paga. Possibilità di integrare copertura assicurativa infortuni al costo di 2€. Ci si ritrova a Lantana, frazione di Castione della Presolana, in via Monte Pora 3, presso il Bar Sala Giochi “Da Geppoz”. Ritrovo ore 10.30. Fine attività ore 13.30 circa. Alessandra Riva, naturalista, guida ambientale escursionistica (AIGAE LO557); studierà i percorsi e vi guiderà lungo i sentieri, favorendo il benessere dei singoli e del gruppo, proponendo osservazioni ed attività sul territorio. Presenti anche Vicky e Altea, le mascotte della Vittoria’s Farm, setter “da traccia”, che ci aiuteranno a guardare il bosco con altri occhi….E altro naso. Al fine di rendere il più godibile e confortevole l’esperienza proposta, si consiglia fortemente di indossare indumenti caldi e comodi, adatti alle escursioni in montagna, scarponcini da trekking (in alternativa scarpe calde impermeabili), uno zaino con pranzo al sacco, bottiglietta d’acqua, guanti e cappello di lana. Non dimenticate un buon k-way anche se c’è il sole! Consigliato il binocolo e un righellino/un metro portatile, uno smartphone. Il percorso ha poco dislivello (max 200m) e si svolge su sentiero ben camminabile. Adatto a chiunque abbia un esperienza minima di cammino per sentieri. Adatto ai bambini (segnalateci l’età).

Il teatro Giovanni XXIII di Sotto il Monte inaugura il nuovo anno con il sensazionale show del Coro Divertimento Vocale, l’11 gennaio alle ore 20.30. Direttamente da Italia’s Got Talent, il Coro Divertimento Vocale emozionerà e divertirà il pubblico con le sue esibizioni e performances. Li dirige il Maestro Carlo Morandi e ad accompagnarli una band: un connubio perfetto per creare un’atmosfera di grande allegria e partecipazione. La compagnia è stata fondata nel 1996 e inizialmente era composta da soli 20 ragazzi; attualmente conta oltre 100 elementi e ciò che li accomuna è l’energia e la vivacità. Il repertorio nel tempo è cambiato: dal classico e il sacro, ora spazia dal gospel al jazz e dal pop al rock. Una delle caratteristiche più peculiari del coro è certamente il loro non canto, come dimostra l’esibizione a Italia’s Got Talent nella quale hanno riprodotto i suoni della tempesta utilizzando solo le loro voci e per cui sono arrivati tra i finalisti. Ma oltre a regalare grandi emozioni a chi lo ascolta, il Coro Divertimento Vocale si è spesso impegnato per il sociale esibendosi in concerti a scopo benefico per Associazioni Onlus come il “Dottor Sorriso”, gli Amici della Sclerosi Multipla e l’Avis. Questi i costi previsti per i biglietti: intero: 15€; ridotto (minori di 18 anni e studenti universitari) 12€. Per tutte le altre informazioni o prenotazioni: 035 4360046 info@papagiovannisottoilmonte.org.

L’Istituto Superiore di Studi Musicali Gaetano Donizetti di Bergamo, in collaborazione con Xinghai Conservatory di Canton, organizza un concerto domenica 12 gennaio, alle ore 17, in Sala Piatti. Nell’occasione si esibiranno sette artiste che interpreteranno brani tipici della tradizione popolare cinese: Bai Linlin, Wang Yijing, Tang Jiejie, Wu Xixi, Mu Meichen, Chen Jia e Tang Yiyuan. Ingresso libero.

 

Casoncelli (Foto tratta da www.rifugilombardia.it)BRESCIA

Torna la tradizione,dal 4 al 17 Gennaio 2020 il Casoncello di Pontoglio torna protagonista. Da più di 100 anni in questo paese di confine tra le provincie di Brescia e di Bergamo nei giorni vicini al 17 Gennaio (S.Antonio Abate) in tutte le case si preparano i famosi CasoncelliL’antichissima tradizione vuole che si assaporino in compagnia di parenti ed amici. Per l’occasione nel mese di gennaio potrete rivivere l’antichissima tradizione acquistando i famosi casoncelli nei negozi di alimentari o assaporarli nei numerosi ristoranti Pontogliesi che per l’occasione propongono menu’ a tema con prezzi calmierati. Tutte le info ed i menù le potrete trovare nel sito internet del Comune di Pontoglio e nella pagina facebook Associazione Commercianti.

Venerdì 10 gennaio il folk di Charlie Cinelli e la sua band risuona dalle 21 al Teatro Pax di Provaglio d'Iseo

L'11 e 12 gennaio torna al Museo Mille Miglia Brescia l'evento dedicato ai futuri sposi più esclusivo della Lombardia. 

Il Natura Molta Tour di Gio Evan, la tournée dello scrittore e cantautore reduce da un viaggio in lungo e in largo per lo stivale con lo spettacolo Capta - tornate Sovrumani, arriva anche alla Latteria Molloy di Brescia, sabato 11 gennaio.

La rassegna Contaminazioni Teatrali inaugura il 2020 con Ingannati, uno spettacolo di pura narrazione, dal ritmo mozzafiato, scolpito nelle pietre del deserto. Tratto da “Uomini sotto il sole” di Ghassan Kanafani il testo, interpretato da Nicola Pannelli affronta con intensità e poesia il tema dell’immigrazione Si tratta dell’ottavo appuntamento della stagione Contaminazioni Teatrali: lo spettacolo è previsto per domenica 12 gennaio alle ore 21 al Teatro Der Mast, in via Giosuè Carducci 17/E a Brescia. È possibile prenotare online sul sito www.contaminazioni.net oppure telefonicamente al Teatro Der Mast.

Visite al castello di PadernelloÈ una storia antica e affascinante quella del Castello di Padernello, che domina austero ed elegante la Bassa Bresciana, con il suo borgo rurale, frazione di Borgo San Giacomo. Un castello quattrocentesco che appartenne alla nobile casata dei Martinengo, ramo dei Conti di Padernello detti anche “della Fabbrica”, per poi trasformarsi nel corso dei secoli, divenendo villa signorile nel Settecento, per passare alla famiglia Salvadego nell’Ottocento ed essere infine riconosciuto nel 1912, a livello ministeriale, di alto pregio architettonico. Un maniero ricco di ambienti antichi e di arte, in cui riconoscere il passaggio delle diverse epoche, per scoprire le vicende che l’hanno animato, in relazione alla storia e alla società del territorio. Oggi questo patrimonio storico-artistico e culturale è protagonista di visite guidate e luogo di eventi, che hanno portato una nuova rigenerazione turistica e culturale a tutto il territorio. In alcuni sabati del 2020 - l’11 gennaio, l’8 febbraio, il 7 marzo, il 4 aprile, il 9 maggio, il 6 giugno, il 5 settembre e il 3 ottobre 2020 (oppure su richiesta) -, il Castello di Padernello è accessibile alle persone sorde e agli udenti segnanti e si può visitare con un’operatrice culturale museale segnante bilingue (italiano/LIS). Le visite guidate si svolgono dalle 15 alle 17, per un massimo di 20 persone. La prenotazione è obbligatoria. Biglietto 5 euro a persona. Gratis per i minori di 12 anni. L’iniziativa è realizzata con il contributo di Cultura Sostenibile, bando della Fondazione Cariplo.

Domenica 12 gennaio alle 15.30, presso la white room del Museo di Santa Giulia, appuntamento con l’Opera del Mese, in cui verrà presentata la Storta attribuita a Faustino Ghelfo, 1560-1580, dal Museo delle Armi Luigi Marzoli, introduce l’argomento Paolo De Montis, oplologo. Ingresso libero

Il Teatro Sociale di ComoCOMO

L'11 gennaio, alle 11: "Dietro le scene” al teatro sociale di Como + happy hour. Una mattinata alternativa visitando il Teatro Sociale di Como e il “dietro le quinte”, scoprendo i luoghi misteriosi di questo tempio dell’arte. Un divertente esperienza, un tour guidato che si conclude poi con un piacevole aperitivo al Ristorante Caffè Teatro. La prenotazione è obbligatoria.

La rassegna teatrale dialettale proposta dall’oratorio San Vito nel teatro di via Cantaluppi 556 a Lipomo, giunta quest’anno alla 24/ma edizione, prenderà il via sabato 11 gennaio alle 21 con la compagnia “I Ruzanivul” di Cucciago che porteranno in scena la commedia dialettale brillante in due atti di Loredana Cont, “Bastava na bota”. Si tratta di un libero adattamento e traduzione in milanese a cura de “I Ruzanivul”. Biglietto d’ingresso a 7 euro.

Lo stilista Lorenzo RivaAl Museo della Seta di Como fino al 31 marzo la mostra  “ll maestro è nell’anima. Lorenzo Riva - Cinquant’anni di alta moda”, la prima mostra personale dedicata allo stilista Lorenzo Riva, curata da Paolo AquiliniFamoso in tutto il mondo per aver vestito le più prestigiose spose del Jet set internazionale, Riva è maestro indiscusso anche nel pret a porter, nei vestiti di alta moda e nei sensuali abiti da sera. La mostra del Museo della Seta celebra cinquant’anni di attività esponendo abiti, bozzetti, rassegne stampa internazionali e per la prima volta sottolinea il genio eclettico dello stilista monzese attraverso le sue poco note ma incredibili collaborazioni. Alla base dell’esposizione, un'ampia e lunga catalogazione dell’archivio dello stilista, formato da abiti, accessori, fotografie, bozzetti raccolti nel corso degli anni: tutti elementi in mostra che raccolgono ed esprimono un omaggio alla sua sfaccettata attività, che tocca anche varie collaborazione con il mondo del cinema: “I panni sporchi” di Monicelli del 1999, “Il tempo delle mimose “di Bracco del 2013 e “La migliore offerta” di Tornatore del 2015 sono i titoli di alcuni film nei quali Riva veste le attrici con i suoi straordinari capi. Veste anche star del cinema: Isabella Rossellini, Penelope Cruz, Jerry Hall, Chiara Mastroianni solo per citarne alcune. Da martedì a domenica dalle ore 10 alle ore 18.

A Como tornano le serate dell’Associazione Carducci per gli appassionati di musica classica. Si comincia venerdì 10 gennaio alle 20.30 con l’evento «Spiritualità in musica - Il pianoforte come strumento mistico». Sul palcoscenico di via Cavalotti si esibirà la pianista Roberta Giorgio, giovane promessa del conservatorio Giuseppe Verdi di Como. Per lei un concerto impegnativo con brani di Bach, Liszt, Albeniz e Skrjabin. Evento gratuito.

Dal 9 al 19 gennaio all'oratorio di Albate la mostra di Alessandro Annunziata "ReHUB". L'esposizione intende dimostrare come, da un lato, le guerre non si concludano con l'annuncio della loro fine, ma lascino un'eredità lunga L'heure espagnole/Gianni Schicci (foto sito Teatro Sociale Como)generazioni, e come, dall’altro, sia possibile un reinserimento nella società di persone con forti disabilità anche in luoghi martoriati dai conflitti, se al centro di tutto esiste un cuore pulsante che lo muove. Ingresso libero. Dalle ore 15.30 alle ore 18.

Al Teatro Sociale di Como venerdì 10 e domenica 12 gennaio in scena "L'heure espagnole/Gianni Schicchi"'. Un abbinamento irrituale, due commedie, in atto unico, vicine nel tempo: L'heure espagnole, composta da Maurice Ravel nel 1911 e Gianni Schicchi, di Giacomo Puccini, del 1917. Minimo comune denominatore dei due titoli è il senso, inesorabile, del tempo, che viene scandito in Ravel dal tema dell’orologio (il protagonista è un orologiaio), mentre in Puccini il tempo è il fluire della vita, che esplode con ironia, fin dalle prime battute iniziali. Venerdì 10 gennaio, ore 20 turno A. Domenica 12 gennaio, ore 15.30 turno B. 

“Arte migrante”: un ciclo di incontri al Chiostrino Artificio, di piazzolo Terragni 4 a Como, in città murata, per fare arte e poesia, condividendo la creatività. Serate per incontrarsi, conoscere e conoscersi, condividere attraverso l’arte: una storia, un gioco, una canzone, una danza. I prossimi appuntamenti sono previsti per i venerdì 10 e 24 gennaio dalle 20 alle 22.30, per proseguire poi con due incontri al mese: 7 e 21 febbraio, 6 e 20 marzo, 3 e 17 aprile, 8 e 22 maggio, 5 e 19 giugno. Per informazioni bisogna mandare una mail a organizzazioneartificio@gmail.com.


Manierismo a CremaCREMONA

La mostra Il Manierismo a Crema. Un ciclo di affreschi di Aurelio Buso restituito alla città, realizzata dal Museo Civico di Crema e del Cremasco nelle sale della pinacoteca, presenta al pubblico un ciclo di ventisette dipinti murali, rara testimonianza superstite dell’opera del cremasco Aurelio Buso de Capradossi.  La mostra, realizzata in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Cremona, Lodi e Mantova e il Complesso Museale Palazzo Ducale di Mantova, rappresenta un’iniziativa collegata alla grande mostra Giulio Romano a Mantova. Con nuova e stravagante maniera poiché Aurelio Buso fu attivo a Mantova nel cantiere di Palazzo Te nel 1531, proprio assieme a Giulio Romano. È un evento al quale il Museo Civico di Crema e del Cremasco ha iniziato a lavorare nel 2018 quando, grazie al sostegno dell’Associazione Popolare Crema per il Territorio – Banco Popolare ha potuto acquisire 22 nuovi strappi d’affresco di Aurelio Buso da collezione private. Tali dipinti sono stati in seguito restaurati, anche con il contributo di Regione Lombardia. Il Museo presenta ora il ciclo completo degli affreschi condividendo con la Città la nuova acquisizione, i restauri ed uno studio scientifico di approfondimento sull’opera del pittore cremasco. La curatela scientifica della mostra e degli studi su Aurelio Buso è affidata a Gabriele Cavallini eMatteo Facchi, mentre l’allestimento espositivo vede la collaborazione dell’Architetto Elisabetta Nava. Oltre all’acquisto degli strappi d’affresco nel 2018, l’Associazione Popolare Crema per il Territorio ha sostenuto anche la realizzazione degli allestimenti della mostra che presenta ai cittadini un intervento importante per la tutela e la valorizzazione della memoria storico artistica.Regione Lombardia ha concesso il patrocinio ed un contributo che ha permesso la realizzazione degli studi sull’artista cremasco e la pubblicazione del catalogo scientifico della mostra. Dal 20 ottobre 2019 al 6 gennaio 2020 Sala Cremonesi, Museo Civico di Crema e del Cremasco.

A Cremona Super, la XV edizione della Mostra internazionale di illustratori contemporanei, all’interno del centro culturale Santa Maria della Pietà (fino al 26 gennaio). Il percorso espositivo prenderà forma in due sezioni distinte, una dedicata agli illustratori che hanno partecipato all’annuale concorso di illustrazione, dove sono esposte le opere, a tema Super, dei 48 artisti selezionati dalla giuria presieduta dall’ospite d’onore Bruno Bozzetto (81 anni). L’altra sezione ospiterà invece una mostra interamente dedicata proprio a Bozzetto, regista e disegnatore che ha segnato la storia dell’animazione italiana.  

Domenica 12 gennaio dalle 8 alle 13 in piazza Stradivari a Cremona  "Campagna Amica: i sapori e i colori della nostra terra". 

Domenica 12 gennaio alle 16.30 al Teatro Seminario "Storie Biricche ...Di domenica a teatro con la famiglia - La fiaba dei tre bauli". Costo del biglietto per adulti: 7 Euro Costo biglietto per bambini dai 3 ai 10 anni: 6 Euro Il Una fisarmonica (Foto d'archivio Magi)botteghino per la vendita dei biglietti apre 30 minuti prima dell'inizio degli spettacoli.

Fino al 26 gennaio 2020 appuntamento con la mostra "Expression(s): le tante vite dell’harmonium", presso il Dipartimento di Musicologia e Beni Culturali di Cremona. Esposti 58 strumenti, fra harmonium, pianoforti, organi hammond, fisarmoniche, concertino e altri strumenti ad ancia. Quattordici pannelli che accompagnano il visitatore in un percorso che va dal funzionamento dell’ancia all’utilizzo degli strumenti musicali in guerra, dalla storia dell’invenzione dello strumento al suo utilizzo nel blues americano. Ricco l’apparato multimediale, con proiezioni video dedicate all’opera Italia e l’harmonium, il corso di restauro, l’harmonium nel cinema, il repertorio. Postazioni per consultare il catalogo online e qr code per la traduzione inglese dei testi. Possibilità di visite guidate su prenotazione per gruppi superiori a 10 persone. Concerti e dimostrazioni degli strumenti (la metà son suonabili) dal venerdì alla domenica o su richiesta.

A Crema sedici appuntamenti per la seconda parte della stagione di Stelline, rassegna di commedie, dialettali e non, proposte da compagnie dilettantistiche del territorio e dintorni. L’esordio è affidato agli Schizzaidee che sabato 11 gennaio ripropongono “Ma pensa te che pretese”.

 

LECCO

Domenica 12 gennaio, alle 10.30, visita guidata al rinnovato Museo manzoniano di Lecco. Tour guidati alla scoperta del nuovo allestimento del Museo dedicato ad Alessandro Manzoni a Lecco, ospitato in Villa Manzoni, al termine dei lavori di ristrutturazione. Dopo il tour guidato del museo si può proseguire la visita manzoniana seguendo le orme de I Promessi Sposi, visitando il borgo di Pescarenico.

Nel cinquecentesimo anniversario della nascita del maestro veneziano Tintoretto (Jacopo Robusti, 1519-1594), arriva in città l’Annunciazione del Doge Grimani, un capolavoro maestoso, carico di significati spirituali e di segreti artistici. Un evento unico per gli amanti dell’arte perché questa Annunciazione, di proprietà di un collezionista privato, solo tre volte negli ultimi cento anni è andata esposta pubblicamente. Il capolavoro di Tintoretto sarà esposto a Lecco nella sala della fototeca del Palazzo delle Paure dal 6 dicembre, festa del Santo Patrono della città, al 2 febbraio 2020. L’esposizione si inserisce all’interno dell’iniziativa Il Mistero nell’Arte organizzata dalla parrocchia San Nicolò di Lecco della Comunità pastorale Madonna del Rosario, promossa in collaborazione con il Comune di Lecco, con l’obiettivo di offrire all’intera città una particolare riflessione sul mistero cristiano del Natale, in particolare su Dio che grazie al “si” di una donna assume la natura umana e diventa partecipe della nostra vicenda terrena.

LECCO. I Macchiaioli – Storia di una rivoluzione d’arteFino a domenica 19 gennaio 2020, Palazzo delle Paure a Lecco ospita una mostra interamente dedicata ai Macchiaioli: l’esposizione di oltre 60 opere, che ripercorrono la "storia di una rivoluzione d'arte", con le vicende del movimento artistico che ha rivoluzionato la pittura italiana dell’Ottocento, attraverso i suoi maggiori esponenti. La mostra a cura di Simona Bartolena, rappresenta un nuovo capitolo dell’indagine sull’arte del XIX secolo, iniziata lo scorso anno con l’approfondimento dedicato all’arte lombarda, la rassegna curata da Simona Bartolena, prodotta e realizzata ViDi - Visit Different, in collaborazione con il Comune di Lecco e il suo Sistema Museale Urbano Lecchese, presenta autori quali Telemaco Signorini, Giovanni Fattori, Giuseppe Abbati, Silvestro Lega, Vincenzo Cabianca, Raffaello Sernesi, Odoardo Borrani, in grado di analizzare l’evoluzione di questo movimento, fondamentale per la nascita della pittura moderna italiana. Ad arricchire la mostra sono in programma una serie di attività didattiche, incontri e visite guidate gratuite per bambini e adulti. La mostra sarà visitabile dal martedì al venerdì dalle 9.30 alle 19, il sabato, la domenica e festivi dalle 10 alle 19, chiusa il lunedì. L'ingresso alla mostra costa 10 euro (intero), 8 euro (ridotto: ragazzi dai 14 anni ai 18 anni, over 65, gruppi precostituiti di adulti oltre le 15 persone) e 5 euro (ridotto speciale scuole e bambini dai 6 ai 13 anni). E’ gratuito per i visitatori disabili muniti di certificazione attestante una invalidità superiore al 74%, un accompagnatore visitatore disabile solo in caso di non autosufficienza, giornalisti con tessera in corso di validità, bambini fino ai 5 anni, accompagnatore scolaresche 2 per gruppo, accompagnatore gruppi adulti 1 per gruppo, possessori abbonamenti Musei Lombardia Milano. La biglietteria chiude un'ora prima.

 

ViolinoLODI

Il Comune di Lodi con la collaborazione artistica dell'Accademia Gerundia - Scuola Discipline Artistiche, propone la prima rassegna di concerti intitolata "L'arte dei suoni" che si terranno nella suggestiva ex chiesa di Santa Chiara Nuova, in via delle Orfane 12. Il programma prevede 12 appuntamenti, da novembre 2019 ad aprile 2020, con inizio dei concerti alle ore 17.30.  

“Mario Ottobelli, pittore” è la mostra dedicata all’artista (1920-2001), molto conosciuto perché fu medico di base, dall’associazione monsignor Quartieri aperta fino al 19 gennaio allo spazio Bipielle Arte. Per i lodigiani, dunque, ora l’occasione (giovedì, venerdì ore 16-19; sabato e festivi ore 10-13 e 15-19) di conoscerne il lato artistico tra ritratti, nature morte, paesaggi e arte sacra. Tanti gli eventi collaterali: sabato ore 16.15 “Poeti nella bufera”; domenica 12 “Vocazione e resistenza”, sabato 18 “Parole e note all’ora del té”.

Il Comune di Lodi ospita la personale dell'artista piacentino Vincenzo Morra. Dal 10 al 26 Gennaio 2020 si potrà visionare presso l'ex Chiesa del'Angelo "una pittura colta ed elegante, ricca di storia e sentimento, genuinità e poesia del colore, umanità e sfumature interiori. Morra si è cimentato in vari generi, dal ritratto al paesaggio alla natura morta, sempre dimostrando ottima tecnica e notevole sensibilità cromatica."

Con il concerto sull’organo Serassi, accompagnato dalla tromba, che si terrà sabato 11 gennaio riprende il ciclo di dodici appuntamenti “L’arte dei suoni” in Santa Chiara Nuova (ore 17.30, ingresso gratuito), con una novità: negli otto eventi in calendario fino ad aprile, al termine delle esibizioni musicali, il Touring Club accompagnerà il pubblico in una visita guidata del coro e della chiesa. Lo scopo è infatti valorizzare l’ex convento con un ciclo di concerti che ha già riscontrato il pieno successo di pubblico, anche non lodigiano. 

 

TatuaggiMANTOVA

Da venerdì 10 a domenica 12 gennaio a Mantova, è in programma Gonzaga Tattoo Convention.

L'11 gennaio, alle 21.30, Gabri Ponte, il Re della Dance si esibirà dal vivo alla Grana Padano Arena.

Dal 10 al 20 gennaio, 'Amadeus ex Mantova:  10 eventi per celebrare il genio di Mozart a 250 anni dal suo soggiorno in Città. In un tempo contrassegnato dalla "fuga dei cervelli" è bene ricordare che l'Italia è stata, per secoli, una meta. Una calamita culturale per il resto del mondo. Una terra dove non solamente ci si poteva abbeverare alla fonte della cultura classica, ma nella quale si veniva per imparare e per accreditarsi presso le migliori scuole e i maestri più rinomati. Qui il numero dei teatri e la vivacità del mondo della cultura e dello spettacolo erano decisamente superiori ad oggi. Così anche il giovane Mozart fu per ben tre volte in Italia. Una decina di giorni li trascorse nella nostra città. Chi si trovò al cospetto di un bambino che suonava, improvvisava e componeva come un adulto rimase sicuramente sbalordito e, forse troppo spesso, non si rese conto di essere di fronte a un genio senza età e non a un semplice bambino prodigio. AmaDeus ex Mantova celebra i 250 anni del passaggio di Mozart da Mantova. L'iniziativa di Oficina Ocm si realizza col sostegno del Comune di Mantova e in collaborazione con alcune tra le principali realtà culturali del territorio e intende restituire ai mantovani memoria di un significativo evento storico che ha profondamente segnato la relazione della città con l'arte musicale. Ricordare e festeggiare AmaDeus ex Mantova significa però anche ribadire la necessità di salvaguardare e valorizzare quel patrimonio di bellezza e di conoscenze che attrasse verso l'Italia la famiglia Mozart e tanti altri artisti e uomini di cultura.

 

Un falò accesoMONZA

La tradizionale Sagra di Sant'Antonio torna puntuale a Vimercate dall'11 al 19 gennaio, grazie alla Pro loco cittadina e al sostegno del Comune. In programma visite guidate, concerti, chicche gastronomiche e l'imperdibile accensione del falò. La festa affonda le sue radici nella storia contadina di Vimercate e di tutta la Brianza, dove Sant'Antonio era venerato come protettore del raccolto dei campi e degli allevamenti.

Al Tambourine di Seregno venerdì 10 gennaio la serata «All you can Prid»: di scena il duo elettro-acustico al femminile Bitter, formato da Mara Bosisio a voce e chitarra e Raffaella Migliaccio al sampler elettronico, e il cantautore brianzolo Cattaleo. Ingresso 3 euro con tessera Arci. Sabato 11 gennaio, un quadruplo concerto che avrà come protagonisti principali i Polar For The Masses, energica band vicentina che unisce indie rock e attitudine punk; ad aprire lo spettacolo il rock degli Icmesa, il pop di Ilo Gentil e l’alternative rock nutrito di garage e punk dei Bacon’s Chaos. Ingresso 5 euro con tessera Arci.

Al circolo Arci Il Ritorno di Seregno venerdì 10 gennaio in scena il punk acustico dei Killi Billi, gruppo che con chitarre, contrabbassi, cajon, fisarmoniche, glockenspiel, metallofoni e kazoo rivisita i classici della tradizione punk internazionale. Ingresso libero con tessera Arci. Sabato 11 gennaio alle 22 spazio a Calabi, alias il cantautore bergamasco Andrea Rota, che approderà al circolo seregnese con il suo Club Tour e con canzoni in cui si fondono la musica d’autore e l’elettronica in chiave pop del produttore Federico Laini, già compagno d’avventure di Rota nei Plastic Made Sofa. Ingresso 5 euro con tessera Arci.

Riprendono "I Concerti a Monza", l’appuntamento con la musica classica in città arrivato alla XXVI edizione che avvia domenica 12 gennaio la programmazione della nuova stagione. Il calendario prevede 8 concerti fino al 19 aprile con il debutto in città di artisti di fama internazionale, sia italiani che stranieri, tutti ospitata nella Sala Maddalena (via Santa Maddalena 7), la domenica pomeriggio alle 16,30 con biglietto di ingresso di 5 euro. I concerti saranno preceduti da un’introduzione critica e, come avvenuto nelle ultime edizioni, il pianoforte sarà il protagonista. Domenica prossima il concerto di debutto della nuova stagione è affidato ad un duo pianistico italiano di grande rilievo, Maurizio Matarrese e Carla Aventaggiato, che proporrà un repertorio di musica francese di Debussy e Ravel.

Al Bloom di Mezzago venerdì 10 gennaio alle 22, invece, un doppio concerto in cui si intrecceranno voci femminili e musica d’autore: sul palco di via Curiel le sonorità indie-pop eteree e malinconiche della cantautrice bresciana Saraluce , che presenterà il suo nuovo album «La fine non esiste». Della partita anche il quartetto bergamasco The Hootenanny.

Secondo appuntamento con il format Oh My Deer del Bloom di Mezzago (Monza e Brianza), che porta in superficie il sottosuolo dell'underground italiano. In concerto sabato 11 gennaio 2020 alle 22.30 i Marnero, i Kint/Vespertina e Il Buio.

Salvador DalìFino al 7 dicembre 2021 al Belvedere di Villa Reale la mostra "Royal Dalì". Nell'affascinante spazio del Belvedere è ospitato il progetto biennale interamente dedicato al grande artista catalano, oltre 270 opere tra volumi, litografie, serigrafie, xilografie, incisioni e pergamene che permettono al visitatore di immergersi negli aspetti più affascinanti del surrealismo.Il sogno, la simbologia e l'inconscio prendono vita nelle tematiche più disparate: religione, letteratura italiana ed internazionale, poesie e amore.

Dal 17 ottobre al 19 gennaio negli Appartamenti Reali della Reggia di Monza in scena la mostra "Antonio Nocera - Fairy tales". L’esposizione nasce all’interno del progetto Interference, letteralmente “Interferenza”, che intreccia l’opera di artisti contemporanei con la monumentalità degli spazi della Villa Reale. L’incontro tra queste due realtà apparentemente distanti conduce alla creazione di un’interferenza costruttiva che produce uno “scambio di sinergie complementari”. Nocera entra in rapporto con le sale della Villa proponendo opere che interpretano i classici delle favole, alcune delle quali riprendono le avventure di Pinocchio di Carlo Collodi, tema affrontato più volte dall’artista a partire dal 2001. L’allestimento comprende opere su tela e su carta, sculture in bronzo e in resina scaturite dalla creatività dell’artista che interpreta e rilegge tematiche contemporanee attraverso immaginari e fiabeschi personaggi.

Prosegue ai Musei Civici l’allestimento curato in occasione del 500° anniversario della morte di Leonardo da Vinci. "In linea con Leonardo" che propone un’originale selezione di stampe a tema leonardesco provenienti dalla collezione civica di incisioni. L’esposizione è aperta fino al 16 febbraio (Via Teodolinda 4) include una serie di approfondimenti sul tema dell’incisione, con video, storytelling.

Nuovo appuntamento con "Vivi il dietro le quinte", l’iniziativa organizzata dal Teatro Binario 7 in collaborazione con il Sistema Bibliotecario Urbano. Gli incontri sono dedicati alle famiglie con bambini dai 3 agli 8 anni per raccontare e spiegare il legame tra la storia narrata e lo spettacolo teatrale. Sabato 11 gennaio alle 10.30 alla Biblioteca Cederna (via Zuccoli 16) l’incontro è dedicato a Cappuccetto rosso.

Le calde sonorità di Astor Piazzolla sono pronte a riempire il Salone di Apollo. Cavenago ospita l’Andalusa Duo, Federica Castro al violoncello e William Vitali alla Classical guitar. L’appuntamento è per domenica 12 gennaio nello spazio di rappresentanza per eccellenza di Palazzo Rasini. L’occasione è il terzo appuntamento con la stagione concertistica del «Giardino della Musica». Il programma promette di stregare il pubblico: i due artisti eseguiranno anche brani di Burgmüller, Granados, Gnattali e Kaufmann. Si tratta di un raro e raffinato ensemble, sensibilità del tocco ed estrema eleganza sono le loro caratteristiche. Appuntamento alle 17.30. Ingresso libero.

Ai Museo Civici sabato 11 gennaio alle ore 15.30 "La neve incisa” (Visita guidata alla sezione temporanea “Tesori svelati”). Sarà possibile ammirare le stampe antiche sul tema dell’inverno guidati dal personale scientifico del Leonardo Da Vincimuseo per conoscere la ricchezza nascosta della Civica Raccolta di Incisioni. Prenotazione obbligatoria.

Da sabato 11 gennaio a domenica 2 febbraio ai Musei Civici l'esposizione temporanea "Il Signor Inverno nelle stampe dei Musei Civici”. In esposizione temporanea nella sala Grandi Opere alcune preziose stampe antiche sul tema dell’inverno provenienti dalla Civica Raccolta di Incisioni.

Domenica 12 gennaio alle 15.30 ai Musei Civici "Tutti i colori della neve" (Laboratorio creativo per bambini dai 6 ai 10 anni). Chi ha detto che la neve è bianca? Ha mille sfumature e riflessi e li si possono scoprire nelle opere esposte nel museo. Si prenderà esempio dagli artisti del passato e si reinterpretandoli come veri pittori, con tempere e pennelli, i paesaggi innevati.

Ultime occasioni per vedere «La Villa Reale di Monza», l’opera inedita realizzata dall’artista Clelia Grafigna nel 1899 che raffigura la regina Margherita di Savoia nei Giardini Reali, presente fino al 12 gennaio negli Appartamenti reali della reggia. Il particolare dipinto, in cui l’artista ha inserito particolari in sughero, carta, stoffa e materiale botanico essiccato, entrò nelle collezioni della casata sabauda a Capodimonte nel febbraio 1900.

Riparte la stagione della Grande prosa al teatro Manzoni. Da venerdì 10 sera a domenica 12 gennaio, Arca Azzurra Teatro, con il teatro Stabile di Verona, presenta «La Locandiera» di Carlo Goldoni. Venerdì e sabato spettacolo alle 21, mentre domenica alle 16. Biglietti da 16 a 29 euro.

 

Il Castello Visconteo a PaviaPAVIA

Fino al 9 febbraio 2020, alle Scuderie del Castello Visconteo di Pavia, una mostra pone a confronto il fascino delle stampe giapponesi di autori quali Katsushika Hokusai (1760-1849), Utagawa Hiroshige (1797-1858) e Kitagawa Utamaro (1753-1806) con quelle di artisti quali Edouard Manet, Henri Toulouse Lautrec, Pierre Bonnard, Paul Gauguin, Camille Pissarro e altri. La rassegna "Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Capolavori dell'arte giapponese", promossa dal Comune di Pavia – Settore Cultura, Istruzione e Politiche Giovanili, prodotta e organizzata da ViDi, in collaborazione con i Musei Civici di Pavia, vuole mostrare le meraviglie delle ukiyo-e, ovvero le raffinate incisioni a colori su legno sviluppatesi nel Paese del Sol Levante a partire dal XVII secolo, e la profonda influenza che ebbero sulla storia dell'arte europea, soprattutto francese, del XIX secolo. L'esposizione presenta circa 170 opere, provenienti dalla collezione d'arte asiatica della Johannesburg Art Gallery, formatasi a partire dal 1938, a cui si aggiungono 29 stampe ukiyo-e di proprietà dei Musei Civici di Pavia, databili a prima del 1858, ed eseguite da quattro allievi di Utagawa Toyokuni, grande maestro della tecnica ukiyo-e nell'Epoca di Edo.

Isa Danieli e Giuliana De Sio da venerdì 10 a domenica 12 gennaio portano sul palco del teatro Fraschini «Le signorine» di Gianni Clementi. Il testo racconta le vicende di due sorelle zitelle in «simbiosi forzata» tra casa e bottega, una antica merceria di famiglia. Originariamente in romanesco, la commedia divertente ma con alcune sfumature amare, è stata «tradotta in napoletano» acquistando impeto e una certa veracità. La biglietteria è aperta dalle 11 alle 13 e dalle 17 alle 19. Sono riconosciute riduzioni per i giovani under30 (sconto del 50%) e per gruppi scolastici a 8 euro.

Letterato, scrittore, poliedrico uomo di cultura innamorato della sua Broni a cui ha dedicato due libri «Al re di pais» e «Al dialet ad Bron». L’autore è stato Mino Baldi, classe 1930, scomparso nel 2018 e a cui, nel complesso San Contardo (via Emilia, 142) il comune di Broni dedica una mostra. Dal lunedi al venerdi, visitabile dalle 11 alle 14, nei week end in orari più prolungati (mattino e pomeriggio) e fino al 29 febbraio.

Sabato 11 gennaio (ore 21) al Teatro Carbonetti di Broni sarà protagonista Maria Grazia Cucinotta assieme a Vittoria Belvedere e Michela Andreozzi nella commedia «Le figlie di E.v.a.». In questo caso E.v.a. è l’acronimo "Le figlie di E.v.a." a Bronidelle iniziali del nome di tre donne, Elvira, Vicky e Antonia, a vario titolo e con situazioni diverse, sono vittime di Nicola Papaleo, sindaco disonesto. La regia è di Massimiliano Valdo.

Dopo un anno, Il Ritratto d'uomo Malaspina di Antonello da Messina torna a Pavia, al Castello Visconteo. L'opera-icona dei Musei Civici pavesi rientra accompagnata da un altro grande capolavoro del Maestro messinese: Il Ritratto d'uomo – che Vincenzo Consolo trasformò, in chiave letteraria, nell'Ignoto Marinaio -  del Museo della Fondazione Mandralisca di Cefalù, sede dell'ultima esposizione conclusasi il 26 novembre. La mostra resterà aperta fino al 29 marzo. 

A Pavia la mostra diffusa e immersiva "Looking for Monna Lisa. Misteri e ironie attorno alla più celebre icona pop", a cura di Valerio Dehò. La mostra sarà visitabile fino al 29 marzo 2020 nelle più importanti sedi dedicate all'arte di Pavia, nel quinto centenario della morte di Leonardo da Vinci. L'esposizione approfondisce il legame del genio fiorentino con la città e indaga sui misteri e sulle leggende che riguardano la celebre figura della Monna Lisa. Gli scenari dell'esposizione - promossa e organizzata dal Comune di Pavia con il sostegno della Fondazione Banca del Monte di Lombardia e di Confindustria Pavia e con il patrocinio della Camera di Commercio di Pavia - sono Santa Maria Gualtieri, Spazio Arti Contemporanee del Broletto, Castello Visconteo e Piazza del Municipio con opere d'arte contemporanea, installazioni multimediali e realtà virtuale site specific, il tutto accomunato dal rapporto imprescindibile con il passato, con la storia e con il grande Maestro. 


Una pista di pattinaggio sul ghiaccioSONDRIO

Il pattinaggio su ghiaccio è uno sport adatto sia a grandi che piccini, appuntamento alla pista di pattinaggio su ghiaccio a Sondrio, in Piazza Garibaldi fino al 3 febbraio.

Dall'8 dicembre, BAM Burattini A Morbegno, seconda edizione presso l'Auditorium Sant'Antonio.  Domenica 12 gennaio ore 16 va in scena 'Storia di un'amicizia',  spettacolo di narrazione e pupazzi. Tratto del libro di L. Sepulveda "Storia della gabbianella e del gatto che le insegnò a volare". E' la storia tratta dal bellissimo libro dello scrittore contemporaneo Luis Sepulveda: un incontro inconsueto che ci racconta di un'amicizia, di un affetto tenero e commovente tra due animali molto diversi tra loro e apparentemente incompatibili, che invece scoprono la bellezza della diversità imparando a conoscersi; sullo sfondo di avvenimenti catastrofici legati all' ambiente che ricordano molto le vicende odierne. L'ironia e l'avventura non mancano in questa avvincente storia che in modo semplice arriva dritta al cuore. I pupazzi protagonisti sono mossi a vista, morbidi pupazzi deformabili che attraversano uno spazio cangiante pieno di aperture segrete, proprio come i nostri cuori.

IperVerde di Castione Andevenno ti invita a Lepidoptera, nel mondo delle farfalleDall'11 al 26 gennaio per la prima volta in Valtellina sarà possibile ammirare centinaia di meravigliose farfalle provenienti da tutto il mondo in esposizione in un'ampia area museale e dal vivo in una splendida Butterfly House Ingresso a pagamento. 

Sabato 11 gennaio, ciaspolata notturna di circa un paio d'ore in Valle di Carona con cena in coloniaRitrovo ore 18.30 a Carona, partenza ore 19.

Marco ConfortolaSabato 11 gennaio nella sala convegni di Madesimo, alle 21, l'alpinista Marco Confortola racconterà la conquista del Gasherbrum II, il suo 11esimo ottomila. 

A Morbegno sabato 11 gennaio sarà una giornata all’insegna degli eventi. Al mattino, dalle 8.30, appuntamento in Piazza Bossi per il «Giro di Baitridana», una ciaspolata accessibile a tutti. Il costo è di 20 euro.

Sabato 11 gennaio alle 21 a  Morbegno, in via S. Giovanni 8, l’autrice Rovagnati incontra il pubblico per presentare il volume «In altra veste».

Francesco BacciniVARESE

Francesco Baccini, cantautore della scuola genovese tra i più eclettici del panorama musicale italiano, sarà in concerto l'11 gennaio, alle 21, al Teatro Giuditta Pasta di Saronno.

We Will Rock You, la grande rock opera con i successi dei Queen diretta da Tim Luscombe con la direzione artistica di Valentina Ferrari e la regia di Michela Bernini, arriva con la nuova edizione al Teatro Mario Apollonio Openjobmetis di Varese: l'appuntamento è per venerdì 10 gennaio 2020.

Mercatino d'antiquariatoA Varese, in Corso Matteotti, il 12 gennaio, si tiene il mercato dell'antiquariato. Si possono trovare vecchi mobili, quadri, lampade, oggetti vari esposti dai circa 100 espositori presenti.

Sabato 11 gennaio la parrocchia Beata Vergine del Rosario di Castiglione Olona ospita il coro polifonico "Santo Stefano" di Vimercate, diretto dal maestro Armando M. Rossi, che animerà i canti liturgici della Santa Messa delle 18 e offrirà ai presenti, al termine della funzione, un "Omaggio in Musica" della durata di mezz'ora circa. 

Fino al 19 gennaio 2020, il Museo MA*GA di Gallarate ospita l'installazione di Elena Mazzi, dal titolo Becoming with and unbecoming with.La poetica di Elena Mazzi indaga il rapporto tra l'uomo e l'ambiente ad esso circostante, il contesto nel quale vive e con il quale si confronta ogni giorno: una tipologia di analisi che spesso si lega aduno sguardo e ad un approccio di tipo antropologico per analizzareun'identità al contempo personale e collettiva.

Al Museo Civico Floriano Bodini di Gemonio fino al 19 gennnaio la mostra "Francesco Messina al Museo Bodini 20 anni dopo". È infatti del 1999 l'esposizione di sette opere del Maestro in occasione dell'inaugurazione del Museo. Oggi una selezione di sculture in bronzo ricorda nuovamente l'importanza dello scultore e del rapporto che ha avuto con lo stesso Bodini. All'esposizione di opere di Francesco Messina, si affianca la volontà di ripercorre questi vent'anni di attività del Museo Bodini, attraverso un'ampia ricerca fotografica: dalle immagini della cascina rurale e dei lavori di ristrutturazione sino all'inaugurazione e alle successive esposizioni ed eventi. Si ricordano così alcuni dei volti e dei momenti che hanno permesso alla 'Bottega di Bodini' -come si legge sui cartelli del cantiere nella metà degli anni Novanta- di essere luogo di cultura, arte, incontro, confronto e crescita.

Chiude con un grande evento la mostra di Renato Guttuso a Villa Mirabello a Varese, dove l’esposizione ha attirato decine di migliaia di visitatori in pochi mesi. Le opere di Guttuso, esposte grazie a un accordo con la Fondazione Pellin, hanno suscitato grande entusiasmo e domenica 12 gennaio è previsto il tutto esaurito anche per l’evento finale gratuito che inizierà alle 17.30 proprio a Villa Mirabello. . In programma una visita guidata ai capolavori di Guttuso a cura di Serena Contini, curatrice della mostra. L’iniziativa sarà accompagnata da momenti musicali eseguiti dal polistrumentista Stefano Ravotti