Quotidiano Nazionale logo
26 feb 2022

Umberto e Greta uccisi sul Garda "Il barchino? Non ho visto nulla"

L’incidente nautico ricostruito in aula dai due imputati, che quella sera non prestarono nemmeno i soccorsi. Kassen alla guida: "Non so a quale velocità andassi". Teissman: "Al momento dello scontro dormivo"

beatrice raspa
Cronaca
I rilievi sull’imbarcazione su cui si trovavano Greta Nedrotti e Umberto Garzarella la sera del 19 giugno 2021
I rilievi sull’imbarcazione su cui si trovavano Greta Nedrotti e Umberto Garzarella la sera del 19 giugno 2021
I rilievi sull’imbarcazione su cui si trovavano Greta Nedrotti e Umberto Garzarella la sera del 19 giugno 2021

di Beatrice Raspa "Eravamo a 5 minuti dall’arrivo, ho sentito una vibrazione ai piedi e un breve rumore, un “tac“ come se avessi colpito un tronco o un grosso ramo". Sguardo basso, Patrick Kassen ieri in aula ha dato la sua versione dell’incidente nautico sul Garda. Era il 19 giugno, le 23 passate quando il Riva Acquarama dell’amico e coimputato Christian Teissman è piombato sul barchino di Umberto e Greta, fermo nel golfo di Salò, uccidendoli. Il pm Maria Cristina Bonomo accusa i manager di Monaco di omicidio colposo pluriaggravato, naufragio e omissione di soccorso. A suo dire Kassen era ai comandi: "Mi sono sorpreso perché mi sembrava che non ci fossero ostacoli, la barca non è saltata, io non sono stato sbalzato, ma ho tolto il gas per rallentare. Mi sono girato per chiedere a Christian se avesse sentito qualcosa, ma ha negato. Ci siamo fermati per guardarci intorno ma non c’era niente. Poi a 20 metri è passata un’altra barca, ci ha suonato e ha proseguito. Abbiamo concluso che non ci fosse nulla". In due ore e mezza, aiutato dall’interprete, Kassen ha riavvolto il nastro di quella giornata trascorsa tra lago e terraferma, spesso con un bicchiere in mano, senza che le bevute abbiano, a quanto riferisce, compromesso la sua lucidità. Dal pranzo a Punta san Vigilio, al relax sul Riva ("Ho comprato una bottiglia di champagne e l’ho portata a bordo, ma ne ho bevuto solo mezzo bicchiere, non c’era ghiaccio") godendosi la Mille Miglia. Alle 16,30 i due sono in un bar, davanti una bottiglia di Franciacorta, crostini e salmone, alle 19 al ristorante Orologio per vedere la partita della Germania con una Cocacola e una birra. Alle 20,30 di nuovo sul Riva per una nuotata all’isola del Garda, poi al Sogno di San Felice. Al ristorante c’è Johnny, ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?