Quotidiano Nazionale logo
9 mar 2022

Profughi, una piattaforma per gli alloggi

Brescia, incontro in Prefettura per la gestione dell’emergenza: in rete le soluzioni per l’accoglienza

federica pacella
Cronaca
La raccolta di aiuti destinati ai profughi ucraini: Brescia ne ha accolti già 600
La raccolta di aiuti destinati ai profughi ucraini: Brescia ne ha accolti già 600
La raccolta di aiuti destinati ai profughi ucraini: Brescia ne ha accolti già 600

di Federica Pacella Una piattaforma per raccogliere le disponibilità di alloggi per i profughi che stanno arrivando in questi giorni in forma frammentata a Comuni e associazioni che si occupano di accoglienza, ma anche un faro sull’accoglienza dei minori, in particolare quelli non accompagnati. Queste alcune delle novità operative emerse dal lungo incontro in Prefettura a Brescia, dove ieri si è riunito il coordinamento per l’emergenza dei rifugiati dall’Ucraina, che crescono di almeno un centinaio al giorno. In Questura ieri erano circa 600 quelli registrati, a fronte dei 500 di lunedì, ma il numero reale è probabilmente più elevato perché molti ancora non si sono rivolti agli uffici di via Botticelli. Il nuovo sito, che dovrebbe essere curato da Adl a Zavidovici, dovrebbe entrare in funzione a breve e sarà una svolta perché consentirà di iniziare a fare ordine nel marasma iniziale dell’accoglienza, per ora basato soprattutto su reti famigliari che hanno aperto le porte a donne e bambini ucraini. La rete dei privati non basterà a far fronte alle richieste, visto che Brescia è destinata a essere una delle mete preferenziali per gli arrivi in Italia, alla luce della folta comunità ucraina già esistente (8mila persone, di cui più di 3mila in città). Per questo la Prefettura proverà a verificare l’ampliamento dei Cas (strutture di prima accoglienza, che devono aderire attraverso dei bandi) e a sollecitare i sindaci non solo ad aderire al sistema Sai (Sistema accoglienza ed integrazione), ma anche a reperire posti per l’immediata disponibilità. Più delicato il nodo dell’accoglienza in famiglia: le disponibilità saranno raccolte, ma bisognerà vagliarle. Per questo, entrerà in campo anche la Protezione civile, di cui Comune e Provincia di Brescia rimpingueranno gli organici negli uffici attualmente sotto pressione. Attenzione particolare sarà posta poi sui minori, perché sono sempre di più quelli che ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?