Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
18 mar 2022

Gli orsi e i lupi sono di casa nel Bresciano. Avvistamenti raddoppiati

Nell’ultimo anno si possono contare 64 segnalazioni. Il numero più alto è nell’area della Valcamonica. Il più celebre è M54

18 mar 2022
milla prandelli
Cronaca
L’avvistamento di un branco di lupi e sotto un orso “catturato“ da una fototrappola
L’avvistamento di un branco di lupi
L’avvistamento di un branco di lupi e sotto un orso “catturato“ da una fototrappola
L’avvistamento di un branco di lupi

Brescia - Le montagne del Bresciano sono tornate ad essere la casa di orsi e lupi, i cui avvistamenti negli anni si stanno facendo sempre più frequenti, con la presenza, per quanto riguarda i lupi di almeno due branchi stanziali: uno nella zona del passo del Tonale e l’altro nella zona delle Orobie, non distante da Aprica e Corteno Golgi.

Nel 2021 la presenza dell’orso è stata segnalata ben 64 volte, almeno il doppio rispetto al 2020. Inoltre in Valsaviore è stata segnalata la presenza di una orsa con un cucciolo di circa un anno, probabilmente provenienti dal vicino Trentino. Il maggior numero di segnalazioni arriva dalla Valcamonica, dal Gaver e dalle creste di confine con varie aree del Trentino: la Val Daone, la Va di Chiese, la Val Rendena e la Val di Sole. Gli esemplari sicuramente riconosciuti sono M54, già segnalato nella zona di Daone. È stato fotografato a Bagolino e sorpreso a danneggiare un apiario.

Sempre a Bagolino è entrato in azione M55, di circa quattro anni, che ha danneggiato diversi capanni di caccia, così come ha fatto a Lavenone. È stato segnalato anche a Castel Condino. "Sembrerà curioso che siano stati depredati dei capanni da caccia – spiega Stefano Tavelli, responsabile di settore della polizia provinciale – eppure dimostra una grande intelligenza di questi animali. Quando M55 ha scoperto che nei capanni c’è cibo per i richiami ha cominciato ad entrarci per sfamarsi". È stato visto anche M76, un bellissimo esemplare maschio di circa due anni, mai catalogato prima, nell’eno in Trentino. Per le sue scorribande ha scelto Tignale.

M74, infine, è stato segnalato sulla Corna Blacca, nella zona a cavallo fra la Val Sabbia e la Val Trompia, come M55 ha danneggiato vari appostamenti di caccia. Dovrebbe essere lui il primo orso che nel Bresciano è stato coinvolto in un incidente stradale in cui nè lui nè le persone a bordo del veicolo, contro cui si è scontrato, hanno riportato ferite. Anche il lupo si è mostrato molte volte e il branco stanziale del Tonale è stato fotografato da un amatore: Fausto Bariselli, che ha realizzato degli scatti incredibili al branco.

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?