Quotidiano Nazionale logo
3 mar 2022

Finto sequestro di Al Qaeda, processo verso Brescia

Alessandro Sandrini, di Folzano, rimase prigioniero in Siria per 2 anni. Secondo la Procura di Roma inscenò tutto

beatrice raspa
Cronaca
Alessandro Sandrini in uno dei video diffusi all’epoca del suo rapimento
Alessandro Sandrini in uno dei video diffusi all’epoca del suo rapimento

Le difese chiedono che il procedimento venga trasferito a Brescia, là dove secondo l’accusa si sarebbero consumati i reati, per incompetenza territoriale. Sono le ultime novità emerse dall’udienza preliminare in corso a Roma, davanti al gup Marisa Mosetti, per la vicenda del presunti finti sequestri - partiti come una messinscena ma poi diventati veri - nella quale risultano coinvolti nove imputati. A cominciare da Alessandro Sandrini, il 36enne operaio bresciano di Folzano rapito nell’ottobre 2016 ad Adana, in Turchia, finito in mano alle milizie queadiste e ritornato in Italia solo il 23 maggio 2019 grazie all’intervento dello Stato. La procura di Roma lo accusa di truffa e simulazione di reato. Perché quel rapimento l’avrebbe concordato lui stesso con i suoi ex sodali per spartirsi il riscatto - questa la tesi accusatoria - ma poi qualcosa andò storto e davvero fu ceduto ai jihadisti, che lo tennero prigioniero a lungo. Per questo Sandrini, assistito dall’avvocato Massimiliano Battagliola, affronterà il processo nella doppia veste di imputato e di parte offesa. La sua costituzione di parte civile è stata formalizzata ieri. In aula ci sono poi anche i presunti organizzatori della “bufala“, ovvero gli albanesi Fredi Frrokaj, 42 anni, di Flero, Olsi Mitraj, 41 anni di Gussago, e Alberto Zanini, 54 anni, di Mazzano, Ibrahim Hashem Mohamed Hashad, 51enne egiziano di casa in centro a brescia, Marco Caraffa, 50enne catanese residente in Germania. Irreperibili invece un 42enne albanese, un 43enne marocchino e un 73enne siriano. Il gruppo risponde a vario titolo di due sequestri con finalità di terrorismo. Frrokaj in particolare, ritenuto dalla procura il boss, avrebbe indotto a recarsi ad Antiochia, sempre in Turchia, non solo Sandrini ma pure l’ex imprenditore bresciano Sergio Zanotti. La scusa in questo caso fu un viaggio per comprare dinari iracheni fuori corso. Anche il 61enne, in ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?