Quotidiano Nazionale logo
18 feb 2022

Brescia, "una rivolta annunciata, la politica adesso si svegli"

La mobilitazione degli agenti carcerari. Dopo le violente sommosse i più facinorosi sono già stati trasferiti altrove

Antonio Fellone e Roberto Santini del sindacato Sinappe
Antonio Fellone e Roberto Santini del sindacato Sinappe
Antonio Fellone e Roberto Santini del sindacato Sinappe

Dieci detenuti, le teste calde promotrici della rivolta, sono già stati trasferiti altrove. E non saranno gli unici. Parola dei vertici della Polizia penitenziaria, che ieri hanno convocato la stampa a Canton Mombello per riflettere sulla giornata drammatica di lunedì e fare il punto di un clima a dir poco esplosivo. "Una rivolta annunciata – hanno sottolineato Roberto Santini e Antonio Fellone, segretario generale e segretario nazionale del Sinappe – La politica si dia una sveglia e non si dimentichi di noi. Del personale, ma anche dei detenuti. Siamo tutti vittime di una condizione invivibile". Antefatto: il 14 febbraio intorno alle 15 cinquanta reclusi hanno messo a soqquadro la sezione aperta, incendiando materassi, distruggendo telecamere e, stando ai carabinieri, persino improvvisando un tentativo di evasione (circostanza, questa, però smentita ieri dal Sinappe). "I reparti lombardi della Penitenziaria erano stati allertati per intervenire, ma siamo riusciti a gestire l’emergenza a fatica da soli, rientrando tutti contemporaneamente in servizio – ha spiegato Fellone – Abbiamo riportato la calma alle 21". La sommossa, dicono i sindacalisti, "doveva succedere", era "ampiamente prevedibile" per "le gravi carenze" non solo strutturali che affliggono Canton Mombello, struttura vecchissima e fatiscente dove il sovraffollamento è tornato a livelli di guardia. "A fronte di una capienza di 190 detenuti e una tollerabilità di 250, oggi ce ne sono 340. Il 60-70 per cento stranieri, più della metà con problemi di tossicodipendenza. Quasi tutti assumono psicofarmaci. I malati di mente convivono con i detenuti comuni che spesso li strumentalizzano a piacimento". Un magma umano incandescente, che avrebbe bisogno di essere trattato con risorse adeguate: "Non abbiamo abbastanza educatori, né psichiatri, né medici – ha fatto eco Santini – Quei pochi sono a partita Iva, e guadagnano di più facendo altro. L’Ats per esempio ci manda un radiologo una volta a settimana, ma ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?