Quotidiano Nazionale logo
2 apr 2022

Serie B, c'è Brescia-Vicenza: le probabili formazioni

Le Rondinelle vogliono iniziare con una vittoria il Corini-ter

luca marinoni
Sport
Brescia's head coach Eugenio Corini before the Italian Serie A soccer match Brescia FC vs Inter FC at Rigamonti stadium in Brescia, Italy 29 october 2019. ANSA/FILIPPO VENEZIA
Eugenio Corini

Sabato, 2 aprile 2022- Il confronto che andrà in scena domani, domenica 3 aprile, alle 15.30 tra Brescia e Vicenza non è solo una sfida molto sentita e ricca di tradizione, ma, in questo preciso momento della stagione, quando mancano ancora solo sette giornate alla conclusione della stagione regolare, rappresenta un autentico appuntamento della verità, che nessuna delle due contendenti può permettersi di sbagliare. I biancorossi dell’ex Brocchi (e del fresco ex Cavion) devono conquistare punti per inseguire una salvezza assai complicata, mentre le Rondinelle devono far partire con il piede giusto la terza avventura di Eugenio Corini sulla panchina biancazzurra. Al Brescia, infatti, serve vincere sia per migliorare il “bottino” stagionale al “Rigamonti” che, soprattutto, per cercare di riavvicinarsi ai primi due posti che garantiscono la promozione diretta in serie A.

Proprio per trasmettere le sue idee e il suo spirito a capitan Bisoli e compagni l’allenatore di Bagnolo Mella sin dal suo arrivo ha lavorato a ritmo intenso, cercando di plasmare una formazione in grado di riprendere a marciare a passo spedito. La base di partenza di questo “progetto” sarà il 4-3-1-2 che due stagioni fa ha propiziato la promozione delle Rondinelle, ma per quel che riguarda gli interpreti in queste ore lo stesso Corini ha cercato di non svelare troppo le sue intenzioni. In quest’immediata vigilia rimangono così ancora alcuni ballottaggi che il mister bresciano definirà nell’immediata vigilia della sfida con i biancorossi. In questo momento sono certamente indisponibili gli infortunati Palacio e Andreoli, mentre tutti gli altri componenti del numeroso gruppo biancazzurro sono disponibili. Per quel che riguarda il possibile undici di partenza, nel quartetto arretrato davanti a Joronen dovrebbero giocare Sabelli a destra e uno tra Pajac e Huard a sinistra, mentre Adorni è favorito su Mangraviti per affiancare Cistana al centro della difesa.

A centrocampo solo Bisoli è sicuro di una maglia da titolare, mentre al suo fianco ci sono due ballottaggi tra Van De Looi e Behrami e tra l’ex Proia e Bertagnoli. Un ruolo particolarmente importante negli equilibri del rinnovato gioco del Brescia sarà quello del trequartista, che vede favorito Leris, mentre per quel che riguarda le due maglie in attacco Moreo, Ayé e Bianchi si contendono la possibilità di scendere in campo dal 1’ in questo impegnativo esame che il Brescia è deciso a superare a pieni voti.

Probabili formazioni
Brescia (4-3-1-2): Joronen; Sabelli, Cistana, Adorni (Mangraviti), Pajac (Huard); Van De Looi (Behrami), Bisoli, Proia (Bertagnoli); Leris; Moreo (Ayè), Bianchi. All: Corini.
Vicenza (4-2-3-1): Grandi; Maggio, Brosco, De Maio, Crecco (Bruscagin); Bikel, Cavion; Dalmonte, Ranocchia, Da Cruz; Diaw. All: Brocchi.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?