Via Fara, Bergamo: dopo 15 anni, il parcheggio aprirà il 28 febbraio 2024

Il 28 febbraio 2024 aprirà il parcheggio di via Fara a Città Alta, dopo 15 anni di cantiere. 469 posti auto su 8 piani, ascensori, scale e un belvedere con vista sulla Maresana. La Giunta Gori considera l'opera un fattore chiave nella strategia della mobilità.

Via Fara. Dopo 15 anni il parcheggio

Via Fara. Dopo 15 anni il parcheggio

Sembra una storia a capitoli. Dopo un cantiere di oltre 15 anni, il parcheggio di via Fara, in Città Alta, aprirà il 28 febbraio 2024. L’indicazione viene dall’assessore ai Lavori pubblici di Bergamo, Marco Brembilla, durante un sopralluogo effettuato ieri mattina. Un tour "guidato" che ha permesso di vedere da vicino gli spazi interni, con i 469 posti auto distribuiti su otto piani (più altri tre di locali tecnici e uffici), gli ascensori e le scale a disposizione di utenti e residenti del centro, ma anche il belvedere che dall’ultimo piano si affaccia sulla Maresana a beneficio di tutti, purché vi si acceda dalle scalette situate al piano di via Fara e sui quartieri intorno allo stadio. La Giunta Gori considera il parcheggio un fattore chiave nella strategia della mobilità per Città Alta. "Al momento sono stati completati il quinto e il sesto piano, mancano solo da finire gli impianti – ha sottolineato l’assessore Brembilla –. L’accesso al parcheggio sarà possibile attraverso il tunnel dell’ex rifugio antiaereo, da qui i cittadini che decideranno di utilizzare il parcheggio potranno entrare ed uscire, utilizzando anche gli ascensori messi a disposizione, raggiungendo piazza Mercato del Fieno e la Corsarola, e sempre da qui potranno raggiungere il belvedere, nonché ultimo piano, che affaccia sulla Maresana. Per tutti gli altri cittadini, questo panorama mozzafiato sarà comunque accessibile attraverso la scalinata che collegherà via Fara all’ultimo piano del parcheggio". Costo dell’opera 25 milioni. Aperta la seconda parte del bando per la vendita posti auto. La sosta singola al Parking Fara avrà un costo di 3,40 euro l’ora. F.D.