Ranzanico, cervo investito: distrutta l’auto di un 24enne. “Come centrare un muro”

Tra l’Alto Sebino e la Val Cavallina gli ungulati sbucano all’improvviso sulle corsie

Migration

Ranzanico (Bergamo), 22 febbraio 2024 – L’ultimo episodio avvenuto qualche giorno fa ha riacceso i riflettori su un fenomeno, la presenza di cervi e cinghiali a bordo strada, che sta diventando un problema che da tempo affligge il territorio che si trova tra l’Alto Sebino e la Valle Cavallina: gli animali sbucano all’improvviso sulla strada, provenienti dalla boscaglia, e spesso centrano le auto che transitano sulla strada, con tutti i rischi che ciò comporta per gli automobilisti.

L’ultimo incidente si è verificato durante il fine settimana, intorno alle 18, quando la vettura di un ventiquattrenne di Ranzanico stava facendo ritorno a casa, quando, all’improvviso, ha visto piombare sulla propria automobile un cervo di medie dimensioni, “un vitello” lo hanno descritto gli agenti della polizia provinciale intervenuti sul posto, la strada provinciale di Ranzanico. L’impatto ha distrutto la vettura, facendo esplodere in faccia al ragazzo gli airbag.

Il giovane se l’è cavata con un grande spavento, nulla da fare invece per il cervo, deceduto per le lesioni riportate. “Stavo scendendo da Ranzanico alta verso il lago – ha raccontato il ventiquattrenne agli agenti della polizia provinciale –. All’improvviso ho sentito un forte rumore, come se fossi andato a sbattere contro un muro. Ho avuto davvero molta paura. Era un cervo che dal muro a monte della strada era saltato in basso proprio mentre arrivavo io, piombando sul cofano e distruggendomi la macchina". Nel punto in cui è avvenuto l’incidente le auto viaggiano a velocità moderata "ma io non l’ho neanche visto il cervo. Me lo sono ritrovato sul cofano e contro il parabrezza".

Tra l’Alto Sebino e la Valle Cavallina sono diversi i punti critici, dove sistematicamente gli automobilisti segnalano la presenza di animali. Uno è la strada della Val Borlezza: tra la frazione Piazza di Sovere e Cerete ci sono già stati in passato diversi incidenti. Un altro punto critico è lungo la strada provinciale che da Endine conduce a Solto Collina, dove ai cinghiali si sono ormai aggiunti anche cervi e caprioli. Secondo l’Associazione sostenitori e amici della Polizia stradale, nel 2022 ci sono stati in Italia 179 incidenti significativi, cioè con persione ferite o decedute, col coinvolgimento di animali selvatici, 15 in Lombardia. Sedici le persone morte e 227 quelle ferite.