A 10 anni dal referendum sull’acqua pubblica, il Comitato torna in campo per ribadire il no alle privatizzazioni. "A Brescia – ricorda il referente Mariano Mazzacani – abbiamo avuto anche il referendum provinciale 2018 che ha consentito di bloccare la gara per assegnare il 40% di Acque Bresciane, gestore unico, a un socio privato, che ha l’unico obiettivo di fare utili". L’ipotesi, tuttavia, non è del tutto archiviata. Per questo, dal 3 giugno gli attivisti daranno il via ad una campagna di sensibilizzazione: i giorni clou saranno il 12 e 13 giugno.