Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
12 set 2021

Miss Italia, Francesca Popa è Miss Rocchetta Lombardia

La milanese trionfa ad Arcene, nella pianura bergamasca. La mantovana Letizia Bernardelli vittoriosa nella selezione di base

12 set 2021
alessandro brambilla
Cronaca
featured image
Letizia Bernardelli e Francesca Popa (Foto Mark Bergamo)
featured image
Letizia Bernardelli e Francesca Popa (Foto Mark Bergamo)

Milano -  La simpaticissima ed esuberante Francesca Popa, 19 anni, capelli castani e occhi marroni, è ammessa alla fase finale nazionale di Miss Italia 2021. Francesca ha infatti vinto il titolo Miss Rocchetta Lombardia nell’affollata Piazza Civiltà Contadina ad Arcene, nella pianura Bergamasca. E’ stata una serata all’insegna di bellezza e spettacolo con Alessandra Riva e lo staff del Bar Bogni di Arcene in cabina di regia. Il pubblico ha apprezzato le sfilate delle protagoniste in costume istituzionale del concorso, coi bikini colorati, in look classico e per le protagoniste della volata decisiva anche con abiti da sposa di Caroli Boutique.

In classifica Francesca Popa, residente a San Giuliano Milanese, ha battuto la bergamasca Beatrice Farina, 20 anni, di Gorlago, e Alice Fontana, 18, di Besano (Varese). A Miss Rocchetta hanno partecipato 22 ragazze. “Ringrazio Andrea, il mio fidanzato – ha esclamato la vivace Francesca Popa, statura 1, 77 – che mi ha spinto a partecipare. Non sono mai stata una ragazza vanitosa, senza l’intervento di Andrea che ha anche compilato il modulo della mia iscrizione io ora non sarei qui a gioire per l’ammissione alla fase finale”. Papà Vasile Popa e mamma Michela hanno origini moldave. “Io però sono nata a Milano”, precisa Francesca, che ha due fratelli, Giorgia e Augustin. La nuova Miss Rocchetta ha studiato a Canterbury, in Inghilterra. “Mia mamma – racconta Francesca – vive ancora in Inghilterra”.

Nella sfilata in abito classico a Miss Rocchetta, Francesca ha sfilato con un vestito di mamma Michela.” Me lo ha spedito e io l’ho indossato con orgoglio, mi ha portato fortuna”. La signorina Popa, tifosa interista. ha trascorsi da pallavolista in squadre di Milano e Lodi. “Ultimamente ho trascurato il volley poiché lavoro in uno studio di commercialisti. Comunque la pallavolo per me ha rappresentato una scuola di vita”. E’ approdata alle finali regionali di Miss Italia vincendo a Zanica, giungendo poi seconda nella regionale di Bellano. “Ad Arcene – spiega – ero molto più emozionata pur trattandosi del mio terzo show su un palco del concorso, e soprattutto all’inizio mi sentivo come un blocco nella pancia. Ma dopo un paio di passerelle tutto è passato. Nei momenti di difficoltà ho guardato Andrea negli occhi: lui mi ha dato la carica giusta”.

In merito alle esibizioni artistiche delle protagoniste di Miss Rocchetta, la più applaudita è stata quella di Alice Fontana che ha imitato Belen Rodriguez. Francesca Popa ha dato un saggio di palleggio nella pallavolo. La ragazza di San Giuliano (vive anche a Milano, zona Bande Nere, col fidanzato ) è la seconda lombarda ammessa alla fase finale nazionale di Miss Italia: l’altra è Seyla Zanon, di Cornaredo, che in Piazza Civiltà Contadina ha sfilato come madrina in elegante abito blu e con look da sposa. Oltre alla gara valida per l’ammissione alla fase finale nazionale, ad Arcene hanno gareggiato 14 ragazze della selezione di base Miss Miluna by Miss Italia.

La fascia Miluna Arcene se l’è aggiudicata Letizia Bernardelli, 19 anni, di Mantova, con la bresciana Alessia Gozio, 23, di Cazzago San Martino, al secondo posto. Si è classificata terza Martina Sisti, 18, pure lei bresciana, di Castegnato, quarta la bergamasca Elena Izzo, 18, di Sarnico, quinta l’effervescente Micol Mascetti, 20, di lariana di Olgiate Comasco, e sesta Sara Mauri, 19, di Besana Brianza. Le prime sei classificate di Miss Miluna sono tutte ammesse alle finali regionali di Miss Italia. Relativamente ad Alessia Gozio, il suo è un ritorno sulle passerelle di Miss Italia; la mora originaria di Ronco di Gussago si era cimentata nell’edizione 2018 del concorso, arrivando fino alla fase finale nazionale ma senza disputare la gara dell’ultima serata, quella che andò in onda in diretta tv su La 7. In passato Alessia ha praticato ciclismo agonistico per 7 anni, laureandosi altresì Campionessa regionale lombarda tra i giovanissimi con la maglia della Ronco di Gussago.

Invece per Letizia Bernardelli il palcoscenico di Arcene ha rappresentato il debutto nel concorso. “Vincere alla prima partecipazione è cosa che entusiasma da matti e sinceramente non me l’aspettavo”, afferma Letizia, 176 centimetri, capelli castani e occhi marroni. La signorina Bernardelli vive nel capoluogo virgiliano con mamma Alice, papà Fabio e i fratelli Enrico e Rachele. E’ sportiva anche Lety Bernardelli , con 11 stagioni da ginnasta alle spalle. “Nella ginnastica artistica – precisa la fanciulla fidanzata con Samule - sono arrivata seconda in un Campionato italiano. C’è un’analogia tra concorso Miss Italia e ginnastica artistica: ci si esibisce sempre davanti ad una giuria. Per questo motivo davanti ad una giuria come quella di Miss Italia mi ritengo psicologicamente più avvantaggiata rispetto a concorrenti bellissime tuttavia prive di esperienze in pubblico”. Letizia tifa Milan e ha un modello da imitare: “Carolina Stramare, vincitrice di Miss Italia 2019”. Domenica 19 settembre a Lanzo d’Intelvi (Como) verranno assegnati due titoli regionali: Miss Miluna Lombardia e Mis Bella dei Laghi.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?