Frana di Lovere, la Lucchini non è più isolata. Come cambia la viabilità

Entro un mese dovrebbe terminare il consolidamento del tratto di via Paglia crollato

Il cedimento stradale in via Paglia aveva portato alla chiusura della strada che porta alla fabbrica

Il cedimento stradale in via Paglia ha portato alla chiusura della strada che porta alla fabbrica

Lovere, 15 marzo 2024 – Tornano a circolare i mezzi pesanti all’acciaieria Lucchini di Lovere, che può riprendere il proprio ciclo produttivo, parzialmente interrotto venerdì scorso in seguito al cedimento stradale di via Paglia e alla chiusura della strada che porta all’azienda (gli operai, circa 1.200 persone, hanno comunque continuato a lavorare, in alcuni casi raggiungendo lo stabilimento a piedi).

Di fatto la Lucchini era isolata: i tir dei fornitori non potevano raggiungere lo stabilimento per consegnare i rifornimenti né potevano uscire quelli dell’azienda con le consegne ai clienti.

Da ieri, però, la viabilità della zona è stata ridisegnata con l’istituzione del doppio senso di marcia in via Bergamo e del doppio senso alternato sulla statale 469, aperta anche ai furgoni e ai mezzi della Lucchini. Sono i due principali provvedimenti adottati per garantire la viabilità tra Lovere e Castro.

Le proposte sono state avanzate dai sindaci dei due Comuni, Alex Pennacchio di Lovere e Mariano Foresti di Castro, e hanno ricevuto il beneplacito del prefetto di Bergamo Giuseppe Forlenza, che ha condiviso i provvedimenti in vigore per una settimana, anche se probabilmente saranno estesi per ulteriori due.

Nello specifico, un’ordinanza è stata siglata da Anas, che gestisce la statale 469, con la quale è stato istituito il senso unico alternato, l’altra è firmata dal sindaco di Lovere e istituisce il doppio senso di percorrenza di via Bergamo. Intanto proseguono i lavori di consolidamento del tratto stradale di via Paglia interessato dal cedimento, che si concluderanno il prossimo 10 aprile.