Fuori le bici dal cimitero di Treviglio. La battaglia (persa) di Leonardo Colombo Giardinelli per raggiungere la tomba della moglie

Dopo il ricorso al Tar passa il nuovo regolamento. Messo a disposizione un mezzo elettrico per chi ha problemi di deambulazione

Leonardo Colombo Giardinelli

Leonardo Colombo Giardinelli

Treviglio (Bergamo), 28 settembre –  Non si può entrare in bicicletta nel cimitero di Treviglio: lo ha confermato con voto a favore della maggioranza di centrodestra, approvando le modifiche al regolamento cimiteriale - contrarie le opposizioni - il Consiglio Comunale di Treviglio dopo un’animata discussione e una valanga di polemiche.

Il divieto era stato stabilito nel maggio scorso dall’ordinanza di un dirigente comunale che aveva annullato la validità dei pass rilasciati fin allora ad alcuni cittadini, circa trecento, con problemi di deambulazione e che erano appunto autorizzati all’ingresso in bici al cimitero. Per loro l’unico modo per andare a far visita ai propri cari ancora in modo autonomo.

Un cittadino, Leonardo Colombo Giardinelli ex possessore di pass con problemi di deambulazione , che utilizzava la bici per raggiungere la tomba della moglie aveva fatto ricorso al Tar: emergeva che il divieto avrebbe dovuto essere varato con provvedimento del Consiglio comunale e non essere firmato da un dirigente. Ecco perché della questione si è occupato il Consiglio.

Posto che con il no all’ingresso in bicicletta era stata contemporaneamente messa a disposizione un mezzo elettrico per accompagnare le persone in difficoltà alle visite alle tombe, questo aspetto è stato fra i motivi del “no“ delle minoranze al divieto. Laura Rossoni(Pd) ha ricordato che le tre persone che utilizzerebbero il mezzo elettrico ogni giorno rispetto alle 300 che avevano il permesso per la bici sono il segnale che la gente preferisce non usarla dovendo poi restare in un tempo contingentato alle tombe dei propri cari". Ha citato anche alcuni cimiteri dove si può entrare in bici, come “Andria, Bergamo, Biassono, Cinisello, Paola, Trezzo“.

Di parere favorevole il consigliere Francesco Giussani(Lega) secondo il quale se una persona può arrivare in bici al cimitero, è anche in grado di scendere dalla bici e poi raggiungere la tomba. Favorevole il sindaco Juri Imeri che ha contestato le accuse di “limitazione della libertà di culto e di movimento“.

Dopo gli interventi contrari al divieto da parte dei consiglieri Matilde Tura, capogruppo Pd, ed Erik Molteni(Pd), il voto della maggioranza lo ha confermato.