’’Enfant prodige’’. Villa va di corsa: "È come un sogno"

Il 21 enne lecchese scelto dalla belga Bingoal WB "Devo imparare ancora tanto, ma non vedo l’ora" .

’’Enfant prodige’’. Villa va di corsa: "È come un sogno"
’’Enfant prodige’’. Villa va di corsa: "È come un sogno"

Sorridente e disponibile, non di molte parole, Giacomo Villa (di Monticello Brianza in provincia di Lecco) ha disputato la sua prima gara da professionista nel Gran Premio La Marsigliese (Francia).

Come è andata?

"Direi bene anche se ci poteva stare qualcosa di meglio. Mi sono staccato sull’ultimo gran premio della montagna, poi in discesa non sono riuscito a recuperare ma tutto sommato mi ritengo soddisfatto".

Villa, classe 2002, è stato scelo dalla squadra belga della Bingoal WB. Giro, Tour e Vuelta rientrano nei piani della sua squadra?

"Non è l’obbiettivo della Bingoal WB correre i grandi giri ma piuttosto partecipare alla classiche momumento come Roubaix, Fiandre, Sanremo o Liegi. L’emozione di partecipare al Giro delle Fiandre sarebbe il massimo, ma per un debuttante come il sottoscritto vanno bene anche la Freccia Vallone o la Liegi-Bastogne-Liegi".

Cosa si aspetta da questa stagione?

"Il pecorso principale sarà quello di fare esperienza, ma voglio essere pronto per le gare importanti dove puntare al risultato se ci sarà la possibilità di farlo. Solo il tempo potrà dirmi dove posso arrivare".

Percorsi preferiti?

"Mi affascinano le gare nervose, impegnative non propriamente con l’arrivo in salita. Sono veloce e questa caratteristica mi permette di primeggiare negli sprint a ranghi ridotti. Ma sono qui per capire quale percorso possa essere a me più adatto".

E lontano dalle corse?

"Sono un ragazzo semplice, tranquillo che apprezza la musica degli artisti italiani contemporanei. Mi sono diplomato al Liceo Scientifico Scienze Applicate di Oggiono e attualmente sono iscritto all’Università Pegaso delle Scienze Motorie che seguo on-line. La bici è la mia grande passione e il sogno è diventare qualcuno".