Criminale anche da pensionato. Aveva armi, droga e auto rubate

Bergamo, nonostante i suoi 72 anni non aveva abbandonato il giro: ritorna in carcere

Criminale anche da pensionato. Aveva armi, droga e auto rubate

Bergamo, nonostante i suoi 72 anni non aveva abbandonato il giro: ritorna in carcere

Una vecchia conoscenza del crimine locale specializzato in rapine, e considerata l’età, 72 anni, si pensava che avesse abbandonato certo ambienti. Un salto indietro. Nel 2015, lui e un complice vennero intercettati e arrestati vicino all’ufficio postale di Martinengo con pistole clandestine e su un furgone Fiorino rubato con la carrozzeria color arancio, la bandiera dei sudisti sul cofano e il numero "01" sulle fiancate, come la Dodge Charger utilizzata dai fratelli Duke nel telefilm-cult degli anni ’80 “Hazzard“. Per quell’episodio vennero condannati a tre anni e due anni. Ma cadde l’accusa di rapina. Ora, nonostante l’età pensionabile si scopre che nel giro ci è rimasto, alla luce del nuovo arresto. All’interno del box, in via Tolstoj, tra Boccaleone e Borgo Palazzo, aveva nascosto armi, droga e veicoli rubati: i carabinieri di Bergamo lo hanno arrestato mercoledì 20 marzo, nel pomeriggio. Ai militari nei giorni scorsi era giunta la segnalazione da parte di un cittadino che aveva notato movimenti sospetti di un anziano a bordo di una Peugeot, che andava e veniva nei box di un edificio in via Tolstoj. Piu tardi in via Borgo Palazzo una pattuglia ha notato l’auto sospetta intimando l’alt al conducente, che per i suoi precedenti e del suo atteggiamento risultato sospetto, è stato perquisito. Il 72enne era in possesso di oltre 2mila euro in contanti. È stato quindi portato in via Tolstoj, per verificare perché si recasse sempre là. All’interno di un box sono stati ritrovati una Ford Tourneo bianca con numero di telaio abraso e targhe clonate, un Piaggio Vespa rosso rubato a Bergamo nel 2016 con targa falsa, sul pavimento uno zaino con all’interno una pistola semiautomatica Beretta calibro 7,65 con matricola abrasa, insieme a diversi proiettili. E ancora: una pistola revolver Smitt&Wesson calibro 38 Special con matricola abrasa, con sei proiettili nel tamburo e una scatola da venticinque proiettili dello stesso calibro, poi un’altra scatola di cinquanta proiettili calibro 357 magnum, due targhe d’auto rubate nel 2018 e falsificate. Gli agenti hanno inoltre trovato anche tre borsone che contenevano 1.490 panetti di hascisc per un peso complessivo di circa ottanta chili e due buste di cocaina dal peso di 220 grammi. Francesco Donadoni