Bergamo, 24 marzo 2020 - Su richiesta della Regione Lombardia, Emergency ha iniziato a lavorare nella città di Bergamo per fronteggiare l'epidemia di Covid-19. "Un nostro team medico e logistico sta lavorando con Areu e la Sanità alpina per l'allestimento di un nuovo ospedale da campo completamente dedicato alla cura dei pazienti affetti da Covid-19". L'ospedale sarà allestito nella fiera di Bergamo e "dovrebbe essere completamente operativo a partire dalla prossima settimana", si spiega in una nota.

Emergency

Emergency sta collaborando alla progettazione della nuova struttura, mettendo a disposizione la sua esperienza nella gestione di epidemie, maturate in Sierra Leone nel 2014-2015 durante l'epidemia di Ebola, per proteggere il personale dal contagio. Il team di Emergency sarà composto da circa 20 persone tra medici, infermieri, fisioterapisti e logisti e gestirà direttamente il reparto di terapia intensiva e sub-intensiva. "Abbiamo proposto una riorganizzazione efficace degli spazi e dei flussi, per ridurre il più possibile le possibilità di contagio - racconta Rossella Miccio, presidente di Emergency -. Ogni dettaglio della struttura è essenziale per contenerlo: è fondamentale che ogni area sia compartimentalizzata, che i luoghi di vestizione/svestizione siano ben definiti, che il movimento delle persone sia pensato e studiato in anticipo. Stiamo mettendo in campo le nostre esperienze maturate in Sierra Leone durante l'epidemia di Ebola. Per farlo abbiamo richiamato alcuni dei nostri colleghi che lavoravano all'estero: stiamo cercando di fare la nostra parte in un momento così delicato per l'Italia".

Medici russi

All'ospedale da campo lavoreranno anche alcuni medici militari russi, inizialmente tutti destinati alla Vatellina. Lo ha reso not l'ambasciatore della Federazione russa in Italia, Sergey Razov, dopo i colloqui di coordinamento avuti tra i membri della delegazione russa e la parte italiana.

Donazioni

Intesa Sanpaolo ha stanziato un contributo di 350mila euro per contribuire alla realizzazione dell'ospedale da campo dell'Associazione nazionale alpini alla Fiera di Bergamo. La somma permetterà di acquistare ventilatori, sistemi radiologici, apparecchi per laboratorio analisi, monitor, aspiratori, produttori di ossigeno e altri materiali necessari all'attività' sanitaria. Il contributo per l'ospedale da campo potra' essere incrementato di ulteriori 100mila euro 'grazie all'attivazione, fino al 6 aprile, di una raccolta fondi dedicata a questo specifico progetto". E' possibile donare con un bonifico bancario a For Funding Intesa Sanpaolo. Iban: IT32T0306909606100000047402. Causale: OSPALPINIBG.