Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
20 giu 2022
francesco donadoni
Cronaca
20 giu 2022

Bergamo, tafferugli e alta tensione in carcere: agente sfregiato con una lametta

Disordini partiti da due sezioni a innescarli banali motivi Il sindacato Fns Cisl : siamo al +152% di sovraffollamento

20 giu 2022
francesco donadoni
Cronaca
featured image
Disordini nel carcere di Bergamo
featured image
Disordini nel carcere di Bergamo

Bergamo, 21 giugno 2022 - Ancora un’aggressione all’interno del carcere di via Gleno. L’ultimo di una serie dove spesso a farne le spese sono gli agenti della Polizia penitenziaria che secondo Fns Cisl, "devono farsi carico delle mancanze di un sistema carcerario che, nel suo complesso, palesa diverse criticità". Quella accaduta domenica è stata una serata difficile per il personale, che ha dovuto sedare una serie di disordini scoppiati in almeno due sezioni dell’istituto. Un agente sarebbe stato ferito e avrebbe riportato un taglio da lametta: il poliziotto è dovuto ricorrere alle cure dei sanitari del Pronto soccorso. Le ragioni delle rivolte sono ancora tutte da chiarire, ma dalle prime ricostruzioni l’aggressione di domenica sarebbe nata da "banali motivi che detenuti facinorosi hanno cavalcato per mettere in subbuglio l’istituto".

"Ad un mese dalla nostra ultima denuncia – ha sottolineato Toni Sole, segretario generale di Fns Cisl di Bergamo –, dobbiamo ancora fare i conti con una situazione sempre meno tollerabile. L’elevata presenza di detenuti, con punte di oltre il 152 per cento rispetto alla capienza tollerabile, e un organico di poliziotti penitenziari drammaticamente sottodimensionato (oltre il 20 per cento di unità in meno) sono il binomio drammatico di fattori che delineano il quadro in cui versa la struttura carceraria di Bergamo e che da anni sono oggetto di segnalazioni da parte del nostro sindacato".

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?