Milano, 5 maggio 2017 -  “Resilienza è una parola che merita attenzione, che va raccontata, spiegata, diffusa, che voglio portare nel mondo, in tutti i modi che conosco e chi mi verranno in mente. E che ci verranno in mente, perché io ho bisogno di una mano, da tutti voi”. Si chiama “Wondy Sono Io” (www.wondysonoio.org) la neonata associazione per la diffusione della cultura della resilienza nata a quattro mesi dalla prematura scomparsa di Francesca “Wondy” Del Rosso, giornalista e scrittrice che per sei anni ha affrontato e raccontato con il sorriso e l’ironia il tumore che l’aveva colpita.

Fondata dal marito di Francesca, il giornalista di Radio 24 Alessandro Milan, insieme a Francesca Ravelli e alla collega Alessandra Tedesco, l’Associazione “Wondy Sono Io” inaugurerà dal mese di maggio una serie di appuntamenti e incontri per costruire e promuovere la cultura della resilienza, sia essa legata alla malattia e al dolore, ma anche alle mafie, alle guerre e alle calamità naturali che possono scuotere e sconvolgere la nostra quotidianità. Tra i primi eventi promossi dall’Associazione, sono in via di definizione un incontro con lo scrittore Mauro Corona, attualmente nelle librerie con il suo ultimo libro “Quasi Niente” (ed. Chiarelettere) scritto a quattro mani con il cantautore Luigi Maieron. E una speciale proiezione del docufilm “Resilienza” – mercoledì 31 maggio al cinema Beltrade di Milano - realizzato e prodotto dall’associazione cinematografica “Nido del Cuculo” dell’attore e comico livornese Paolo Ruffini.

Tra le attività dell’associazione, c’è anche l’ideazione di un premio letterario aperto a romanzi, narrative non-fiction e memoir in italiano di autori italiani e stranieri, pubblicate per la prima volta in volume fra il 1° settembre 2016 e il 31 agosto 2017. Online il bando per la partecipazione è già disponibile sul sito dell’Associazione (link: http://wondysonoio.org/premio-wondy/). Francesca Del Rosso è stata esemplare ed efficace nel raggiungere il lettore con il bestseller Wondy ovvero come si diventa supereroi per guarire dal cancro (Rizzoli, 2014): allo stesso modo, la giuria si propone di premiare uno o più libri editi, che - attraverso la prosa letteraria - esprimano con particolare forza il concetto di resilienza nelle sue varie sfumature semantiche.

I libri vincitori saranno scelti da una Giuria di qualità e da una Giuria popolare all’interno di una sestina già selezionata da lComitato Promotore del Premio. La Giuria di qualità è composta da una rosa di giornalisti, accademici, scrittori e personalità nel panorama culturale e in quello della comunicazione.   Il Presidente è Roberto Saviano e tra i giurati hanno già aderito Daria Bignardi, Paolo Cognetti, Ferruccio de Bortoli, Luca Dini, Donatella Di Pietrantonio, Chiara Fenoglio, Chiara Gamberale, Emanuele Nenna, Paolo Ruffini, Paola Saluzzi, Gianni Turchetta. La cerimonia di assegnazione del premio si svolgerà lunedì 5 marzo 2018 al Teatro Manzoni di Milano.

Per sostenere le attività dell’Associazione (che è anche presente su Facebook e Twitter con l’hashtag #WondySonoIo) è possibile presentare una proposta di sponsorizzazione e/o partnership o semplicemente associarsi con una donazione minima.