Bergamo, 15 marzo 2017 - L'opposizione di centrodestra a Palazzo Frizzoni scende in campo per contestare in modo deciso la nuova proposta di decollo e atterraggio proposta dal Comune di Bergamo che interesserebbe 4mila cittadini in più di quella attuale.

«Abbiamo preso visione dello studio realizzato da Arpa Lombardia relativamente alla proposta da parte della Giunta Gori  e abbiamo verificato che questa rotta coinvolgerebbe circa 4mila persone in più rispetto alla precedente, con inevitabili disagi – accusano Alberto Ribolla, capogruppo della Lega Nord, Stefano Benigni, consigliere di Forza Italia, Andrea Tremaglia, capogruppo di Fratelli d’Italia, e Davide Rosa, consigliere della Lista Tentorio, che fa capo all’ex primo cittadino di Bergamo, Franco Tentorio –  Infatti, a fronte di un miglioramento in uscita nella fascia 60-65 decibel per circa 2mila persone, ci sarebbe un peggioramento in entrata nella fascia 55-60 decibel per circa 6mila persone, principalmente nei quartieri cittadini di San Tomaso, Malpensata e Villaggio degli Sposi». «Riteniamo, pertanto -  proseguono i rappresentanti del centrodestra in Comune -  che questa proposta sia assolutamente da considerare in modo negativo, perchè, come abbiamo visto, comporterebbe un aggravio per migliaia di persone sul territorio cittadino».

Non solo. L’opposizione a Palazzo Frizzoni fa anche due calcoli sulle persone coinvolte, dal 2011 a oggi, dai decoli e dagli atterraggi degli aerei dallo scalo “Il Caravaggio” di Orio al Serio, che è ormai diventato il terzo aeroporto italiano. «Dal 2011 a oggi - concludono Ribolla, Benigni, Tremaglia e De Rosa - il numero di persone esposte è passato da 18mila alle attuali 23.300. Con questa nuova rotta proposta dal Comune di Bergamo, si superano le 26mila persone esposte, arrivando quasi a 27mila. Determinando, quindi, un sensibile peggioramento dello scenario».