Lee Moore in entrata (Ciamillo-Castoria)
Lee Moore in entrata (Ciamillo-Castoria)

Varese, 16 maggio 2018 - Brescia vince gara anche gara tre e confeziona il cappotto che elimina Varese dai playoff e le permette di raggiungere Milano in semifinale. A Masnago la formazione di Andrea Diana si impone per 69-64 dopo un supplementare al termine di una partita in cui si è segnato poco e che Varese ha gettato al vento dopo essersi trovata avanti di 19 punti nel corso del terzo parziale.

Come nelle altre due partite della serie Varese ha giocato bene (ottima la serata di Avramovic che ha chiuso con 24 punti e numeri da capogiro anche per Cain che con 12 punti e 14 rimbalzi mette a segno una doppia-doppia strepitosa ) e ha avuto la possibilità di mandare ko Brescia, ma ad un tratto le percentuali realizzative già basse si sono praticamente azzerate La Leonessa così a cavallo tra la terza e la quarta frazione, grazie a Cotton (15 punti e 6 rimbalzi) e soprattutto Lee Moore (17 punti e 6 rimbalzi per lui) è rientrata in partita prima pareggiando a quota 58 e quindi passando in vantaggio a pochissimo dalla sirena finale. Varese ci ha creduto e a sette decimi dalla fine ha trovato con Cain il canestro che ha mandato la gara all'overtime. Nonostante il brutto colpo subito la Germani nel supplementare, nonostante un buon inizio di Varese, ha mantenuto la lucidità necessaria per avere la meglio sull' avversario e conquistare la prima semifinale scudetto della sua storia.

«Ci abbiamo creduto sempre – osserva a fine partita Michele Vitali, 14 punti – Continuiamo a lavorare. Restiamo con i piedi per terra , ma non ci vogliamo fermare qui». Soddisfattissimo anche coach Andrea Diana. «Varese ci ha messo in difficoltà in questa serie – osserva l'allenatore di Brescia – Rimontare 19 punti è un buon segnale. Ora ricarichiamo le batterie e pensiamo alla semifinale». In casa Varese la delusione è tanta, ma coach Caja valuta l'intero campionato e vede il bicchiere mezzo pieno. «Abbiamo fatto una stagione strepitosa – spiega il tecnico della Openjobmetis – Ci mancava esperienza e Brescia dalla sua aveva anche una panchina più lunga. Sapevamo di non avere possibilità di superare il turno, ma nonostante il rammarico siamo contenti».

OPENJOBMATIS VARESE GERMANI BRESCIA 64-69 d1ts (8-14, 26-23; 50-43; 60-60)
Varese: Vene 8 , Okoye 8, Cain 12, Avramovic 24, Larson 3, Tambone 9, Ferrero, Delas, Natali, Dimsa, Bergamaschi, Ivanaj. Allenatore: Caja
Brescia: Landry 7, M.Vitali 14, Moss 3, L.Vitali, Ortner 6, Cotton 15, Moore 17, Sacchetti 7, Fall, Traini, Mastellari. Allenatore: Diana
Note. Tiri da 2: Varese 14/33, Brescia 18/41. Tiri da 3: Varese 9/34, Brescia 7/34. Tiri liberi: Varese 9/11, Brescia 12/16. Assist: Varese 15, Brescia 10. Rimbalzi: Varese 44, Brescia 51