I seggi sono allestiti nelle scuole dove bisognerà rispettare le norme anti-Covid
I seggi sono allestiti nelle scuole dove bisognerà rispettare le norme anti-Covid

Varese, 20 settembre 2020 - Oggi e domani si vota in 11 comuni della provincia per il rinnovo di sindaco e consiglio comunale. Seggi aperti oggi dalle 7 alle 23 e domani dalle 7 alle 15. Il centro più importante al voto è Saronno, quarto comune del Varesotto più popoloso, con 40mila abitanti. Cinque le liste che si presentano al via. Tre i candidati a Somma Lombardo (18mila abitanti), l’unica altra città che può andare al ballottaggio in caso di mancata maggioranza assoluta. Gli altri 9 centri sono al di sotto della quota 15mila abitanti.

Nel nord della provincia si vota a Luino e Laveno Mombello (quattro liste in corsa in entrambi i casi), ma anche a Gemonio e Masciago Primo, dove sono due e tre i candidati. Nell’area di Malpensa, oltre a Somma Lombardo si vota a Casorate Sempione e Golasecca: la sfida è a due. Stesso copione a Gorla Maggiore e a Lonate Ceppino, centro quest’ultimo dove a correre sono due donne. Infine Origgio, dove sono quattro i candidati.

Le modalità di voto cambiano a seconda delle dimensioni dei comuni. Nei centri con più di 15mila abitanti (Saronno e Somma Lombardo) si può tracciare un segno solo sul candidato sindaco, solo su una lista a lui collegata oppure sia sul candidato sindaco che sulla lista. Infine si può anche optare per il voto disgiunto, tracciando un segno su un candidato sindaco e un altro su una lista non collegata.

Nei comuni con meno di 15mila abitanti non è ammesso il voto disgiunto. Per quanto riguarda le preferenze per i candidati a consigliere comunale, lo spartiacque è fissato a 5000 abitanti: nei comuni con una popolazione superiore si possono esprimere due preferenze, una per un candidato di genere maschile, l’altra per una candidata di genere femminile. Nei comuni sotto i 5000 abitanti si può esprimere una sola preferenza.

Lo scrutinio delle elezioni amministrative inizierà alle 9 di martedì mattina. Oggi e domani urne aperte anche per il referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari. Si vota in tutti i 138 comuni della provincia. Ai cittadini è chiesto di approvare o respingere il testo della legge costituzionale del 12 ottobre 2019 sulla riduzione del numero dei parlamentari, da 630 a 400 alla Camera dei deputati e da 315 a 200 al Senato. Per la validità del referendum, che è di tipo confermativo, non è necessario il raggiungimento del quorum: l’esito sarà valido indipendentemente dalla percentuale di partecipazione degli elettori. Lo spoglio delle schede inizierà nel pomeriggio di domani al termine delle operazioni di voto.