Una pista su ghiaccio da record. È la più grande nel Nord Milano

Taglio del nastro ieri alle 18 sotto la pioggia battente alla presenza del sindaco Emanuele Antonelli. La cerimonia d’inaugurazione ufficiale è invece in programma il 10 con un grande spettacolo on ice.

Una pista su ghiaccio da record. È la più grande nel Nord Milano

Una pista su ghiaccio da record. È la più grande nel Nord Milano

Ora c’è anche la pista di pattinaggio su ghiaccio al Mizar Park che si affaccia sul Sempione a Busto Arsizio. Taglio del nastro ieri alle 18 sotto la pioggia battente, presenti il sindaco di Busto Arsizio, Emanuele Antonelli e la vicesindaco Manuela Maffioli. L’inaugurazione ufficiale è invece in calendario il 10 dicembre con un grande spettacolo sul ghiaccio. La pista del Mizar Park è la più grande nel territorio a Nord di Milano, con i suoi 600 metri quadrati disponibili per bambini, ragazzi e adulti, e accoglierà esibizioni, dimostrazioni e corsi di pattinaggio del gruppo ICE Emotion. L’inaugurazione conclude i lavori di ristrutturazione dell’area ex Mizar da parte della proprietà, la Sitip Spa, progetto partito nel 2020 ha visto la riqualificazione del complesso industriale dismesso con riduzione del consumo di suolo, interventi di tutela della sostenibilità ambientale, la creazione di 1.000 nuovi posti auto ed aree verdi, e la nascita, divisi in tre lotti, di un supermercato, 15 negozi, una palestra, una lavanderia, un centro sportivo Padel, tre ristoranti, un mega schermo che diffonde notizie ed informazioni di interesse locale e l’unico, moderno Cinema multisala della città. Nei vari edifici hanno trovato spazio anche le sedi di 4 aziende multinazionali: spazi direzionali occupati da un centinaio di impiegati, che sommati ai dipendenti degli altri esercizi, hanno ridato lavoro a circa 250 persone all’interno dell’aerea dismessa dal 2006, che sembrava avviata al completo degrado invece il privato ha creduto nelle potenzialità di rilancio, una sfida vinta. Importante anche il contributo economico e di opere dato al comune di Busto, va ricordato che il piano di recupero ha visto la realizzazione di due rotatorie, un controviale, l’asfalto fonoassorbente sul Sempione e la cessione e riqualificazione di un’area boscata di circa 2 ettari,opere che sommate agli oneri di urbanizzazionee altre imposte comunali hanno portato nelle casse di Busto Arsizio oltre 4,5 milioni. Per il sindaco Antonelli "è un intervento importante che ha rilanciato l’area, e questo grazie a privati che hanno creduto nel nostro territorio e hanno deciso di investire nel rilancio, e il risultato con le varie attività presenti ha portato posti di lavoro".