Le nuove rotte antirumore. I residenti: non serviranno

Malpensa, la sperimentazione al via da aprile non convince i comitati "L’inquinamento acustico minaccia la nostra salute, e resterà irrisolto".

Le nuove rotte antirumore. I residenti: non serviranno

Le nuove rotte antirumore. I residenti: non serviranno

Parte il 18 aprile 2024 all’aeroporto di Malpensa la sperimentazione di nuove Sid, le rotte di decollo studiate per ridurre l’impatto acustico a terra. Le modifiche sono state definite dopo un lunga analisi tecnica condotta su un modello matematico, con la sperimentazione si potrà verificare quanto prevede lo studio e cioè la riduzione del numero dei residenti esposti al rumore da 16486 a 13347 persone, in particolare per quanto riguarda Casorate Sempione e Somma Lombardo a nord e Turbigo e Castano Primo a sud. Modifiche contro le quali alza la voce la neonata Unione dei Comitati dell’Alta Valle del Ticino, a cui da lunedì hanno dato vita il Comitato di Coarezza e quello di Golasecca.

"Quanto si verificherà sopra le nostre teste dal 18 aprile – dice Silverio Colombo, storico esponente del Comitato di Coarezza, frazione di Somma Lombardo – è il peggior ritorno al passato che potesse verificarsi, un ritorno ai pesanti disagi causati dai sorvoli degli aerei come alla fine degli anni Novanta. Abbiamo lottato per anni per ottenere miglioramenti, li avevamo ottenuti ma ora chi si è trovato d’accordo approvando quelle modifiche, a cominciare dal sindaco di Somma Lombardo Stefano Bellaria, che non ha certo tutelato il suo territorio e i problemi che vivrà la frazione sommese di Coarezza lo dimostreranno, ci farà rivivere quella pesante situazione".

Il Comitato di Coarezza e quello di Golasecca con la neonata Unione sono pronti a promuovere azioni legali con esposti contro le nuove rotte e a presentare un ricorso al Tar. "Il nostro obiettivo – sottolinea Colombo – è salvaguardate la salute dei cittadini, minacciata dal rumore degli aerei che incomberanno sulle nostre teste". Ieri hanno diffuso un comunicato nel quale manifestano la loro opposizione alla revisione delle rotte che intensificheranno i decolli e quindi i disagi da rumore su Coarezza, la frazione sommese di Maddalena e Golasecca.

"Con la soppressione della rotta 318 verrà intensificato il traffico in decollo sulla vicina frazione di Maddalena dove, sempre in una ristretta fascia di territorio, transiteranno la totalità dei decolli verso Nord Ovest sulle rotte 308 e 278". Una situazione insostenibile, ribadiscono i comitati, che si riuniranno domani alle 20,45 a Coarezza presso l’ex scuola elementare per un’assemblea pubblica.