Ferrovia Milano-Mortara. Ritardi e soppressioni: spiragli di luce a gennaio

I dati dei pendolari di “Mimoal“: c’è un lieve miglioramento della puntualità

Ferrovia Milano-Mortara. Ritardi e soppressioni: spiragli di luce a gennaio
Ferrovia Milano-Mortara. Ritardi e soppressioni: spiragli di luce a gennaio

Nel mese di gennaio, alla vigilia dell’arrivo dei nuovi convogli Caravaggio (peraltro ieri notte giù deturpati dai soli writer), il servizio della Milano-Mortara è stato leggermente migliore. "La performance di Trenord è stata in netto miglioramento rispetto a dicembre 2023, quella invece di Rfi in leggero peggioramento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno" affermano dall’assocazione Mimoal che dal luglio del 2021 verifica ogni mese soppressioni e ritardi dei treni che percorrono la linea. Nello specifico, scrive l’associazione nel suo report, "a gennaio dei 1.398 treni programmati sulla Milano-Mortara-Alessandria 330 (23,6%) hanno accumulato un ritardo superiore ai cinque minuti e 34 (2,4%) sono stati soppressi. L’indice di affidabilità del servizio si è assestato al 74% in miglioramento di 6,1 punti percentuali rispetto al mese precedente, quello di dicembre".

"Le cause per la soppressione dei 34 treni sono riconducibili per 28 treni (82,4%; ovvero il 2% sul totale) a Trenord per guasti del materiale rotabile e mancanza materiale rotabile; per 6 treni per altri motivi (17,6% e 0,4% sul totale). I 330 treni in ritardo, invece, sono riconducibili a Trenord per 196 treni (59,4%; 14% sul totale) a causa di guasti del materiale rotabile; a RFI per 128 treni (38,8%; 9,2% sul totale) a causa dei guasti ai passaggi a livello, agli scambi, a lavori di potenziamento e a esigenze di circolazione; a 6 treni (1,8%; 0,4% sul totale) per altri motivi". L’indice di affidabilità è quindi salito al 74% (era del 67,9% a dicembre), in linea con la media registrata nei 31 mesi di rilevazioni.

Era da sette mesi consecutivi che l’indice di affidabilità era inferiore al valore medio. In questo periodo, da luglio a fine gennaio, su 42.094 treni programmati 9.298 (22,1%) treni sono stati in ritardo oltre i 5 minuti.

G.Ch.