Quotidiano Nazionale logo
4 mag 2022

Accoltellato in piazza, in carcere l’ex coinquilino

Il giudice ha disposto la custodia cautelare per il quarantenne accusato di tentato omicidio

Resta in carcere, ai Miogni, il quarantenne, originario del Salvador, fermato sabato sera dalla polizia e accusato di tentato omicidio. Nella serata di venerdì 29 aprile l’uomo aveva accoltellato un trentunenne dell’Honduras in piazza Repubblica, a Varese.

Ieri mattina si è tenuta l’udienza di convalida alla presenza del difensore Sandro Damiani e del gip Giuseppe Battarino.

"Non avevo nessun coltello" ha detto l’arrestato al giudice, respingendo l’accusa.

Nel primo pomeriggio è arrivata la decisione del giudice che ha convalidato l’arresto applicando la misura della custodia cautelare in carcere.

Per i fatti avvenuti in piazza Repubblica l’accusa è di tentato omicidio, la vittima è finita all’ospedale con 4 ferite da arma da taglio, al volto e al petto, in gravi condizioni ma non in pericolo di vita.

Da quanto emerso nelle indagini i due si conoscono e per un certo periodo hanno vissuto nella stessa abitazione a Venegono Inferiore. Nella serata di venerdì il violento litigio tra i due, entrambi ubriachi, poi degenerato fino all’accoltellamento del trentunenne.

Utili per le forze dell’ordine per individuare il quarantenne sospettato di essere l’accoltellatore sono state le immagini delle telecamere.

Ros.For.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?