Il progetto per l’ex mensa ferroviaria, proprio di fronte alla stazione
Il progetto per l’ex mensa ferroviaria, proprio di fronte alla stazione
di Fulvio D’Eri Sondrio avrà la sua ciclostazione. L’esplosione della primavera, oltre alle belle giornate di sole e ad un clima più mite, ha portato con sé l’avvio del progetto per la realizzazione di una ciclostazione, nell’ex mensa ferroviaria, proprio di fronte alla stazione, che verrà inaugurata a maggio. Quello che era un progetto e un sogno, diventerà a brevissimo realtà consentendo agli amanti delle...

di Fulvio D’Eri

Sondrio avrà la sua ciclostazione. L’esplosione della primavera, oltre alle belle giornate di sole e ad un clima più mite, ha portato con sé l’avvio del progetto per la realizzazione di una ciclostazione, nell’ex mensa ferroviaria, proprio di fronte alla stazione, che verrà inaugurata a maggio. Quello che era un progetto e un sogno, diventerà a brevissimo realtà consentendo agli amanti delle escursioni in bici, residenti e turisti, di poter contare su una struttura all’altezza della situazione. L’intervento è inserito nel progetto Interreg “Liveliness“, premiato con un finanziamento di oltre un milione di euro, di cui circa la metà al Comune di Sondrio, che ne è il capofila per la parte italiana, per la realizzazione del programma di mobilità sostenibile, rilevante sia per la vivibilità che per l’attrattiva turistica. Entro poche settimane inizieranno i lavori per la riqualificazione e l’allestimento dello stabile che, da ex mensa in disuso, diventerà una ciclostazione in grado di offrire diversi tipi di servizio. L’utenza locale sfrutterà in particolare l’opportunità di avere a disposizione uno spazio coperto e sicuro, al riparo dalle intemperie e protetto dai furti, dove lasciare la propria bicicletta. I turisti usufruiranno del servizio di noleggio di e-bike, che consentirà loro di scoprire la città e i dintorni negli aspetti culturali ed enogastronomici. Un servizio ulteriore sarà l’accompagnamento con guida lungo i tanti itinerari che si partono da Sondrio, mentre la ciclofficina garantirà un intervento immediato per le piccole riparazioni. La struttura sarà aperta sette giorni su sette, domenica e festivi compresi, e chi lascerà la bicicletta potrà ritirarla in qualsiasi momento utilizzando un apposito badge per entrare. Sarà la società Abaco, già concessionaria della sosta a pagamento, a gestire la ciclostazione per conto del Comune: dall’attivazione del servizio 24 ore su 24 al noleggio, fino alla ciclofficina. Lasciare la bicicletta all’interno della ciclostazione costerà un euro per un giorno, dieci per un mese e 70 euro per un anno.