Quotidiano Nazionale logo
28 gen 2022

Scappa in Brasile con la figlia piccola: modella condannata a 5 mesi

Destinataria della sentenza una quarantenne, trascinata in giudizio dall’ex compagno bresciano per sottrazione di minore

Ancora un caso di piccoli contesi finisce in tribunale dopo la separazione dei genitori
Ancora un caso di piccoli contesi finisce in tribunale dopo la separazione dei genitori
Ancora un caso di piccoli contesi finisce in tribunale dopo la separazione dei genitori

Scappa in Brasile con la bimba di pochi mesi, il padre perde le tracce di madre e figlia. E il Tribunale, al termine del processo in abbreviato, la condanna a 5 mesi e 10 giorni (pena sospesa). Destinataria della sentenza, una modella brasiliana quarantenne, trascinata a giudizio dall’ex compagno bresciano per sottrazione e trattenimento di minore all’estero, un reato punito fino a quattro anni di reclusione. La storia prende le mosse dalla denuncia di un imprenditore gardesano, benestante, qualche anno in più. "Non ho contatti con la mia bambina da un anno e mezzo. Non so dove sia, e nemmeno se stia bene". La vicenda è l’epilogo di una relazione naufragata nel peggiore dei modi. Una relazione iniziata dieci anni fa, sui social. Nel 2012 la signora si trasferì in Italia, nella villa di famiglia del fidanzato, a San Felice del Benaco. La storia proseguì tra alti e bassi senza colpi di scena finché lei a fine 2017 rimase incinta. Nell’ottobre 2018 nacque una bimba. Da quel momento in poi, le versioni tra padre e madre hanno preso strade opposte, e non si sono più incontrate. Stando all’imputata, l’ex contrastava la gravidanza, le avrebbe chiesto di abortire e poi, di fronte al rifiuto, l’avrebbe obbligata al test del Dna, poi avrebbe iniziato a vessarla. Approfittando di un periodo in cui per problemi di salute lei era tornata nel Paese d’origine, il compagno l’avrebbe tradita. Dopo litigi e presunte violenze – negate con forza dalla controparte – la coppia decise di porre fine alla relazione. In un accordo, ha riferito la difesa che aveva chiesto l’assoluzione - fu messo nero su bianco che residenza di mamma e figlia sarebbe stata in Brasile. "A fare scappare la mia assistita è stata la paura, nessuna volontà di togliere la figlia al padre. ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?