Sondrio, mancano infermieri: Ats offre stipendio e alloggio gratuito

Opportunità rivolta anche a liberi professionisti e pensionati. Le nuove assunzioni hanno coperto le necessità dei presidi di Morbegno, Chiavenna e Dongo, solo in parte dell’ospedale di Sondrio, lasciando invece scoperti i posti di Sondalo

Infermieri in corsia
Infermieri in corsia

L’Asst Valtellina e Alto Lario chiama ad "arruolarsi" gli infermieri in pensione oltre ai liberi professionisti per ovviare all’atavica carenza di personale. "Con gli infermieri la sanità migliora" è il messaggio scelto per divulgare l’avviso di selezione pubblica, per titoli e colloquio, rivolto a infermieri da destinare ai reparti di degenza dell’ospedale Morelli di Sondalo.

Un’interessante opportunità che l’Asst Valtellina e Alto Lario offre nell’intento di contrastare le problematiche legate alla carenza di personale infermieristico. L’iniziativa, del tutto innovativa per le modalità, è rivolta agli infermieri liberi professionisti, ai pensionati interessati a proseguire l’attività, sia italiani che stranieri, per otto posti in totale. Le nuove assunzioni, in via di completamento a seguito dell’ultimo concorso, hanno coperto le necessità dei presidi di Morbegno, Chiavenna e Dongo, solo in parte dell’ospedale di Sondrio, lasciando invece scoperti i posti di Sondalo, dove, rispetto al 2020, mancano 80 infermieri.

"La situazione al Morelli continua a essere molto critica - sottolinea il direttore delle professioni sanitarie e sociosanitarie Tonino Trinca Colonel -: la carenza di personale infermieristico ci costringe a continue riorganizzazioni per garantire tutti i servizi. Grazie all’impegno e alla disponibilità dei nostri infermieri riusciamo a sopperire ma abbiamo assoluto bisogno di personale: mi auguro che questo bando favorisca l’ingresso di liberi professionisti e di pensionati". È previsto un impegno di 36 ore settimanali e l’Asst mette a disposizione alloggi a titolo gratuito nel presidio.