Quotidiano Nazionale logo
12 feb 2022

Lavoro, forti segnali di ripresa

Brescia, nel 2021 c’è stata però una netta prevalenza di contratti precari o flessibili: in totale oltre 160mila

federica pacella
Cronaca
Nel Bresciano si registrano importanti segnali di ripresa nel lavoro in diversi settori
Nel Bresciano si registrano importanti segnali di ripresa nel lavoro in diversi settori
Nel Bresciano si registrano importanti segnali di ripresa nel lavoro in diversi settori

di Federica Pacella Segnali di ripresa nel mercato del lavoro bresciano, con una netta prevalenza di contratti precari o flessibili: nel 2021, i nuovi avviamenti sono stati 160.663, con un saldo positivo per 8060 unità rispetto alle cessazioni. L’analisi che emerge dal Sistema informativo statistico lavoro (Sistal) della Regione, rileva un trend in crescita del 18,5% rispetto al 2020, quando gli avviamenti erano stati 135.587. "Si tratta di un incremento rilevante – dichiara Filippo Ferrari, consigliere provinciale delegato al Lavoro - che acquista un significato ancora maggiore se consideriamo che le 160.663 persone avviate al lavoro in provincia di Brescia nel 2021 superano nettamente il valore registrato nel 2019 (149.201) con un incremento, rispetto all’anno che precede la pandemia, di 12.462 unità, pari al +8,3%. Anche tornando al 2018 lo scarto è netto: +12.705 persone avviate al lavoro, pari al +8,6%. È un rimbalzo positivo non di poco conto se consideriamo che il 2018 e il 2019 sono ancora anni di ripresa dell’economia locale dopo la crisi del 2009 e la flessione nel 2014". Il dato riferito agli avviati, cioè le singole persone, trova conferma anche considerando gli avviamenti al lavoro, ovvero le pratiche amministrative, che, in un mondo del lavoro sempre più precario, per alcuni lavoratori possono essere più di una nel corso del trimestre. E infatti il numero di pratiche è superiore a quello delle persone: 214.936 nel 2021, il 21,9% in più del 2020 ed il 9,9% in più del 2019. Per quanto riguarda i settori, la maggiore parte degli avviamenti si è registrata nel commercio e nei servizi alle imprese ed alle persone (il 54,5% del totale). Poco più di un quarto (26,2%) ha riguardato le attività industriali, che registrano flussi in entrata nel mercato del lavoro più che dimezzati rispetto al terziario ma che, tuttavia, sono in ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?