Ospedale Morelli di Sondalo, “la gestione Melazzini? Da condominio”

Parole forti quelle del presidente del Movimento rinascita Morelli autonomo Ezio Trabucchi

Il presidente del Movimento rinascita Morelli autonomo Ezio Trabucchi
Il presidente del Movimento rinascita Morelli autonomo Ezio Trabucchi

Sondalo, 14 gennaio 2024 – "Ma quale rilancio? Melazzini ha operato, al massimo, come un amministratore di condominio in una gestione… senza acuti. E l’Asst Valtellina Alto Lario ha levato di mezzo, in pratica, la figura di un direttore ad hoc per il Morelli". Parole forti quelle del presidente del Movimento rinascita Morelli autonomo Ezio Trabucchi (foto) in merito all’operato del manager nel suo (solo) anno di attività alla guida del nosocomio sondalino.

"Il bilancio su Melazzini (oggi manager del Niguarda, ndr)– taglia corto Trabucchi – non può essere positivo, malgrado alcune sue dichiarazioni, noi del movimento non ravvediamo nessun rilancio per il Morelli. Nessuno. C’è stato un tentativo di riorganizzare l’ospedale di Sondalo accorpando alcuni reparti e i servizi in alcuni padiglioni. Direi che il suo operato non ha avuto nessuno spunto particolare in direzione di un vero rilancio. Questa mancanza di azione può essere dovuta a pressioni interne, in pratica non gli hanno permesso di effettuare le modifiche che aveva in mente. Può darsi che sia andata così… La gente comunque non ha capito come mai se ne sia andato dopo solo un anno visto che al momento dell’insediamento si era ipotizzato un tempo di due anni per avere qualche risultato".

In un post su FB, il movimento per il Morelli Autonomo ha scritto: "Sempre peggio!". "Non era riferito a Melazzini, ma alla nomina di Maestroni nel coordinamento e nella gestione del Morelli. Nulla di personale con Maestroni, ma lei è stata nominata ad inizio settimana direttore sanitario dell’intera Asst. Ci chiediamo pertanto che fine abbia fatto la figura autonoma creata per il Morelli. Oggi abbiamo fatto un passo indietro".