Viabilità in Valgerola messa in crisi nella notte tra venerdì e sabato da uno smottamento  La piccola frana si è riversata sulla strada provinciale numero 7, tra i Comuni di Pedesina e Gerola, all’altezza dell’incompiuto ponte Pai, bloccando completamente  la carreggiata
Viabilità in Valgerola messa in crisi nella notte tra venerdì e sabato da uno smottamento La piccola frana si è riversata sulla strada provinciale numero 7, tra i Comuni di Pedesina e Gerola, all’altezza dell’incompiuto ponte Pai, bloccando completamente la carreggiata

Pedesina, 26 luglio 2015 - Ennesimo problema per la già precaria viabilità per la Valgerola, in Bassa Valtellina. Nella notte tra venerdì e sabato uno smottamento di medie dimensioni si è riversato sulla strada provinciale numero 7, tra i Comuni di Pedesina e Gerola, all’altezza dell’incompiuto ponte Pai, bloccando completamente la carreggiata.

L’allarme è stato lanciato intorno all’una e trenta di notte e sul posto sono subito intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Morbegno, oltre ai volontari della Protezione civile dei due paesi.

Un distaccamento di rocce e massi, di circa sei metri cubi si è staccato dal versante della Val di Pai, sopra la strada, rompendo le reti paramassi e riversandosi sulla strada. Fortunatamente in quel momento non transitavano auto o persone scongiurando conseguenze peggiori. «La ditta incaricata della provincia di Sondrio è intervenuta subito spostando il materiale franato e ripulendo in poco tempo la strada - spiega Roberto Fallati, vice sindaco di Gerola Alta, presente sul posto ieri notte come volontario della protezione civile -. Le rocce hanno rotto la rete di protezione, purtroppo la Val di Pai rappresenta un pericolo costante che incombe sull’unica via d’accesso alla Valgerola, frequentata da moltissimi turisti in queste settimane».

«Il problema vero - aggiunge Fallati - sono i lavori fermi dal 2009 del ponte Pai, a questo proposito con il sindaco invieremo una lettera alla Provincia per cercare di sollecitare la ripresa del cantiere e consentire così una maggior sicurezza per la nostra viabilità».

Certo che ieri non sono mancati i disagi per residenti e i tanti turisti.

I lavori di pulizia e ripristino della viabilità sono durati tutta la notte e alle 9 di ieri mattina la provinciale è stata regolarmente riaperta al traffico. «Se ci fosse stato il ponte Pai questo disagio non sarebbe accaduto - sottolinea anche Valentino Maxenti, sindaco di Pedesina anche lui sul posto in nottata -. Sarebbe ora che la Provincia intervenisse per sistemare l’unica via d’accesso alla Valle. Anche in questo caso siamo stati fortunati, la frana è caduta di notte e fortunatamente non ci sono stati feriti».

Smottamenti e frane non sono nuove nella Bassa Valle, solo qualche mese fa un dissesto ha interessato la strada di Albaredo per San Marco bloccando il passaggio del Passo verso la bergamasca.

Attualmente il Passo San Marco è chiuso durante la settimana e viene invece aperto il sabato e la domenica per consentire ai turisti di raggiungere la località e utilizzare il valico ma le polemiche con la Provincia nei mesi scorsi non sono mancate.

Sempre nei mesi scorsi un altro piccolo smottamento vicino al Tempietto votivo di Morbegno aveva causato disagi per alcuni giorni agli abitanti di Albaredo per San Marco e Bema con il parziale isolamento dei due paesi di montagna.