Il fermo immagine condiviso da tanti utenti sui social
Il fermo immagine condiviso da tanti utenti sui social

San Giacomo Filippo (Sondrio), 9 ottobre  2018 - Per una settimana la Madonna del santuario di Gallivaggio sarà ospite alla chiesetta della Sassella di Sondrio. L’occasione è il sinodo diocesano, che cade quest’anno, e la scelta è ricaduta sul tema della misericordia e quindi sulla “Peregrinatio Mariae”, proprio della statua che si trovava nella struttura attorno a cui è scesa la frana in Valchiavenna, per volere del vescovo di Como, monsignor Oscar Cantoni che parteciperà anche ad alcuni appuntamenti. Il motivo è la preghiera, anche per ringraziare che il santuario di Gallivaggio (Comune di San Giacomo Filippo) si sia salvato dalla frana, perché «non dobbiamo dimenticarla – ha affermato l’arciprete di Sondrio, don Christian Bricola -. Ricordo che durante il video che ritraeva il collasso della frana, in tanti hanno visto Maria. Ognuno può decidere se crederci oppure no, però penso che la gente della Valchiavenna creda nel miracolo. E accogliere a Sondrio unaMadonna così potente è per me bellissimo. Si rifà anche al concetto di frana legato alla società, che si sta sgretolando. SAPERE che la Madonna arriva con il sorriso, la dolcezza e la misericordia ci aiuta a non essere schiacciati dalle nostre frane».

La statua arriverà alla Sassella lunedì 15 ottobre e alle 20.30 si terrà un momento di inaugurazione della settimana. Il giorno seguente la preghiera allaMadonna sarà rivolta alla comunità. Il 17 ottobre ai sacerdoti, il 18 ai poveri (vi parteciperà il Mato Grosso). Venerdì 19 alle famiglie (alle 10 sarà celebrata la Messa, alle 15 la supplica, alle 20.30 l’esposizione eucaristica e il rosario). Il 20 ottobre sarà la giornata dedicata ai giovani con i ragazzi degli oratori. Alle 7 partirà il pellegrinaggio da piazzale Fojanini fino alla chiesetta, seguirà la Messa alle 7.30 e, nel pomeriggio, si ripeteranno gli appuntamenti delle 15 e delle 20.30. Domenica 21 sarà la giornata missionaria mondiale. La Messa sarà celebrata alle 8.45, mentre il programma per il pomeriggio e la sera resterà invariato. La chiesetta sarà aperta grazie ad alpini e volontari (ringraziati dall’arciprete) da martedì a venerdì dalle 9 alle 12; sabato aprirà alle 7.30 e domenica alle 8. Sarà, invece, aperta tutti i giorni dalle 14.30 alle 18.30 e dalle 20.30 alle 22.30.