Grande amico delle verdure (ma non solo), l’olio extravergine di oliva sta conquistando sempre più consumatori. Come testimonia un recente report della Commissione Europea, per quanto riguarda l’Europa, ha registrato un +15,6 per cento nelle esportazioni verso i paesi extraeuropei fra ottobre 2019 e settembre 2020. Relativamente all’Italia, fra ottobre 2019 e agosto 2020 le esportazioni intraeuropee sono aumentate del 24,7...

Grande amico delle verdure (ma non solo), l’olio extravergine di oliva sta conquistando sempre più consumatori. Come testimonia un recente report della Commissione Europea, per quanto riguarda l’Europa, ha registrato un +15,6 per cento nelle esportazioni verso i paesi extraeuropei fra ottobre 2019 e settembre 2020. Relativamente all’Italia, fra ottobre 2019 e agosto 2020 le esportazioni intraeuropee sono aumentate del 24,7 per cento. E in Italia, data anche la chiusura causa covid-19 di bar e ristoranti, 9 famiglie su 10 consumano olio extravergine d’oliva tutti i giorni, secondo Coldiretti. Con questi ritmi il mercato globale dell’olio extravergine, che nel 2020 valeva 1465,5 milioni di dollari, arriverà a oltre 1,8 miliardi di dollari entro il 2026. L’olio di oliva si afferma sempre più anche nei prodotti che troviamo in commercio. "Durante il lockdown le persone hanno avuto modo di fermarsi e riflettere sulla propria alimentazione e questo ha influito su ciò che cercano sugli scaffali dei supermercati: prediligono ingredienti di qualità, sani e preferibilmente nostrani", afferma Federica Bigiogera, marketing manager di Vitavigor. Come l’olio extravergine può contribuire al nostro benessere? Un recente studio pubblicato da ABC News precisa che l’olio Evo, ricco di fenoli e grassi monoinsaturi, può diminuire il grado d’infiammazione e il livello di grassi nel sangue, e aumentando la quantità di HDL, il colesterolo "buono" che aiuta a ridurre il rischio di malattie cardiache. "Le proprietà benefiche dell’olio Evo sono legate principalmente alla sua composizione – ha confermato la biologa nutrizionista Alice Parisi –. L’alta concentrazione di polifenoli e tocoferoli, infatti, contrasta l’ossidazione delle macromolecole biologiche, ovvero Dna, proteine e lipidi, e aiuta a prevenire cancro, diabete e numerose malattie cronico-degenerative. Io ne raccomando il consumo a crudo, in quanto le alte temperature degradano i composti dell’olio". Non è quindi una sorpresa che la dieta mediterranea, di cui l’olio Evo è uno dei cardini principali, si sia classificata come migliore dieta al mondo del 2020 secondo US News & World Report.

G. C.