Torricella Verzate, travolta e uccisa sulla via Emilia: una perizia cinematica per Maria Filia

Disposta dalla Procura che vuole ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente costato la vita alla 59enne

I soccorsi a seguito del drammatico incidente
I soccorsi a seguito del drammatico incidente

Casteggio (Pavia) – Sarà una consulenza tecnica cinematica a ricostruire la dinamica del tragico incidente in cui ha perso la vita Maria Filia. La Procura vuole fare piena luce su quanto accaduto la sera dell’Epifania a Verzate Fumo, frazione di Torricella Verzate.

Il pm Alberto Palermo, titolare del procedimento per il reato di omicidio stradale a carico di B.S. l’automobilista 61enne di Broni che ha investito la donna mentre attraversava a piedi la strada, ha infatti disposto una consulenza finalizzata all’esatta ricostruzione della dinamica, delle cause e di tutte le responsabilità dell’incidente, rilevato dai carabinieri della stazione di Santa Giuletta e della Compagnia di Stradella. L’incarico per l’accertamento tecnico non ripetibile sarà conferito martedì alle 13,45 negli uffici della Procura pavese all’ingegner Mattia Sillo: alle operazioni peritali parteciperà anche l’ingegner Alberto Mariani quale consulente tecnico per la parte offesa, messo a disposizione da Studio3A-Valore, società specializzata nel risarcimento danni e nella tutela dei diritti dei cittadini a cui, attraverso il consulente per la Lombardia Paolo Monti, si sono affidati i congiunti della vittima per essere assistiti e ottenere giustizia, insieme all’avvocato Laura Bastia del Foro di Milano.

L’investimento è avvenuto in via Emilia all’altezza del civico 65: Maria Filia aveva quasi ultimato l’attraversamento della trafficata Statale, aveva già passato la prima corsia dal lato da dov’era partita ed era giunta a metà della seconda, quand’è stata travolta in pieno e sbalzata a svariati metri di distanza dalla Nissan Juke condotta dall’indagata, che evidentemente non l’ha proprio vista nonostante la zona sia ben illuminata, non avendo lasciato tracce di frenata.

Un impatto, prima con l’auto e poi con l’asfalto nella rovinosa ricaduta a terra, che non ha lasciato scampo alla 59enne. Trasportata con l’ambulanza della Croce Rossa di Stradella in condizioni disperate all’ospedale di Voghera, Maria Filia è spirata poco dopo l’arrivo nel nosocomio. La Procura ha subito aperto un fascicolo per omicidio stradale iscrivendo nel registro degli indagati la conducente della vettura investitrice. Il magistrato inquirente non ha reputato necessaria l’autopsia, ma ha voluto una perizia dinamica per fare completa chiarezza su tutti gli aspetti del terribile incidente.