Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
5 apr 2022

Pavia, fiamme in via Foppa: distrutte falegnameria e chiesa avventista

Sollati una donna ucraina e una coppia di anziani

5 apr 2022
stefano zanette
Cronaca
I vigili del fuoco impegnati nelle operazioni di spegnimento; l’incendio si sarebbe propagato dal tetto, probabimlmente per il surriscaldamento della canna fumaria
I vigili del fuoco impegnati nelle operazioni di spegnimento del rogo
I vigili del fuoco impegnati nelle operazioni di spegnimento; l’incendio si sarebbe propagato dal tetto, probabimlmente per il surriscaldamento della canna fumaria
I vigili del fuoco impegnati nelle operazioni di spegnimento del rogo

Pavia - La struttura che ospitava la chiesa avventista di Pavia è andata completamente distrutta, come il deposito di falegnami, con anche mobili antichi divorati dal fuoco. E ci sono pure due famiglie sfollate: una donna ucraina in affitto, il cui appartamento è stato seriamente danneggiato, e una coppia di anziani, la cui abitazione e stata meno colpita, ma i danni devono ancora essere valutati. Sono state comunque molto gravi le conseguenze dell’incendio che ieri pomeriggio è divampato in un caseggiato in via Vincenzo Foppa, nella zona del Ticinello più vicina alla ferrovia e al sottopassaggio tra corso Manzoni e via Riviera.

L’allarme è scattato verso le 14 e sul posto sono intervenuti subito i vigili del fuoco. Numerose le chiamate con richieste d’intervento lanciate anche dai palazzi vicini, con molti residenti preoccupati dalla colonna di fumo che oscurava il cielo. Con la luce del giorno assolato, è stato infatti il fumo grigio a essere più evidente, ma anche il fuoco ha fatto danni notevoli, più di quel che poteva sembrare dall’esterno inizialmente. L’unico aspetto positivo è l’assenza di persone ferite, sia dalle fiamme che da intossicazione da fumo: i tre residenti poi sfollati sono infatti riusciti ad abbandonare in tempo le rispettive abitazioni, senza dunque subire conseguenze anche fisiche.

E il fumo si è disperso rapidamente verso l’alto, anche grazie alle condizioni climatiche che hanno scongiurato il ristagno dell’aria. Le cause del rogo sono ancora in fase d’accertamento, ma dai primi riscontri avuti dai vigili del fuoco sul posto, l’incendio si sarebbe propagato dal tetto, con la causa dunque più probabile che è il surriscaldamento della canna fumaria, come purtroppo accade nella stragrande maggioranza degli incendi ad abitazioni. La stretta via Foppa e l’adiacente via Bernardino de Rossi sono state chiuse al transito per agevolare l’intervento dei vigili del fuoco, con pattuglie sul posto sia della polizia locale che delle Volanti.

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?