L'amore sboccia tra la corrispondenza, Noemi e Giuseppe insieme da 14 anni grazie alle Poste

Storia di San Valentino al centro di distribuzione di viale Brambilla a Pavia

Giuseppe e Noemi, postini innamorati

pavia - poste italiane viale brambilla - i due lavoratori delle poste che si sono conosciuti a lavoro e si sono sposati, postini innamorati giuseppe nunziata e noemi piras - foto torres

Pavia, 13 febbraio 2024 – Biglietti d’auguri, angioletti innamorati e frasi romantiche per San Valentino, nel mondo anglosassone la tradizione della festa degli innamorati è cominciata così e si tramanda dal XVII secolo. Nel nuovo millennio c’è chi i biglietti e le lettere d’amore le smista. Smista oggi e smista domani poi succede pure che ci si innamori scoprendo tra gli oltre 300 portalettere in servizio in provincia di Pavia, operativi nei 13 centri di distribuzione che servono i comuni del pavese, l’uomo e la donna della propria vita. E’ quello che è accaduto a Noemi Piras e Giuseppe Nunziata, portalettere del centro di distribuzione di Pavia. Noemi e Giuseppe, 41 e 40 anni, rispettivamente addetta alla produzione interna e portalettere, lavorano in viale Brambilla dove è sbocciato il loro amore. Entrambi in Poste Italiane da più di 15 anni, il colpo di fulmine scocca fra i casellari del centro di Distribuzione di Pavia sistemando la posta da consegnare e tra una chiacchiera e l’altra nel 2010 inizia la loro storia. Sei anni dopo si sposano e oggi hanno tre figli di 10, 8 e 6 anni. “Poste fa da sfondo alla nostra storia – racconta Giuseppe – ricordo di aver visto Noemi la prima volta mentre “litigava” con il cavalletto del motorino ed essere rimasto colpito dalla sua tenacia perché nonostante la sua corporatura minuta era riuscita nella sua impresa”. “Lavorare nello stesso posto è un vantaggio, arriviamo insieme e torniamo insieme e nel tragitto riusciamo a ritagliarci un po' di tempo come coppia e non solo come genitori perché ci raccontiamo in tranquillità quanto ci capita, visto che con tre figli siamo parecchio impegnati. Questi viaggi da casa al lavoro e viceversa sono momenti nostri” - continua Noemi. A far innamorare Noemi è stato il l’umorismo di Giuseppe unito al suo essere sempre premuroso: “Mi tratta come una principessa  e riesce a trovare sempre il modo per farmi sentire speciale”. “Noemi ha un grande pregio, è sempre disponibile con i colleghi che possono contare su di lei, lavora con grande impegno ed è un punto di riferimento – dice Giuseppe – ma soprattutto è una moglie e una mamma dolcissima”